Il public cloud nel futuro di Veeam

Intervista a Olivier Robinne, Vice President, Veeam EMEA

Durante il VMworld Europe 2017 abbiamo scambiato due chiacchiere sugli sviluppi e il futuro del loro prodotto con Olivier Robinne, VP di Veeam EMEA .

OlivierRobinne
La suite Veeam cresce ogni anno con aggiornamenti e funzionalità che la rendono sempre più un prodotto di fascia Enterprise. Non vi state però dimenticando della piccola e media impresa italiana.

No, anzi il nostro prodotto ha sempre mantenuto una usabilità e semplicità di base che lo rendono adatto anche alle realtà più piccole. Il pacchetto Essentials cerca di mantenere bassi anche i costi della soluzione per chi non ha un budget elevato a disposizione.

Leggi tutto...

Novità dal VMworld 2017 di Barcellona

Si è aperta oggi l’edizione 2017 del VMworld Europe, nella ormai classica location del centro congressi di Barcellona. Come ogni anno, VMware si presenta a questo evento con una serie di annunci e novità di cui vi proponiamo le più interessanti.

welcome vmworld

Disponibilità di tecnologie VMware HCX per la portabilità e l’integrazione multi-cloud e multi-site

VMware HCX è una tecnologia che permette mobilità e interoperabilità sicure, veloci e protette tra cloud differenti, permettendo migrazioni di applicazioni anche di grandi dimensioni senza tempi di downtime. Essendo una soluzione appena resa disponibile, sarà inizialmente utilizzabile solo tramite le piattaforme IBM e OVH ed accessibile tramite i VMware Cloud Provider.

Leggi tutto...

Nakivo: backup semplice e flessibile per VMware e Hyper-V

La nuova versione del celebre tool di backup per ambienti virtuali aggiunge il supporto a vSphere 6.5 e migliora l’integrazione col mondo Microsoft grazie al supporto a Hyper-V e Active Directory

Nakivo Backup & Replication è una soluzione di backup e disaster recovery per macchine virtuali (VM), che offre funzioni di backup on-site/off-site (con verifica), replica, recovery anche di singoli file ed elementi Exchange/Active Directory, replica in cloud (AWS) e permette persino la creazione di una architettura multi-tenant. Abbiamo provato per voi in anteprima la versione 7.0, trovate la nostra recensione della release precedente a questo link http://guruadvisor.net/it/software-saas/241-il-backup-virtuale-diventa-semplice-con-nakivo

Supporto a vSphere 6.5 e Hyper-V

La nuova versione di vSphere è uscita da qualche mese e tutti i grandi player si stanno allineando con il supporto alla nuova release: Nakivo naturalmente non fa eccezione: ora si può aggiungere un host ESXi o un vCenter 6.5 nell’Inventario (Inventory) e proteggere tutte le macchine virtuali presenti. Il supporto ad Hyper-V (nelle versioni 2012, 2012 R2 e 2016) è senza dubbio la novità più eccitante della versione 7 di Backup & Replication: viene esteso il supporto alle macchine virtuali create e gestite con l’hypervisor Microsoft. Ora il prodotto può coprire dunque entrambe le principali piattaforme virtuali presenti in strutture on premises e cloud, supportanto anche una soluzione ibrida, con la possibilità di eseguire backup verso il cloud pubblico di Amazon: EC2 di AWS.

nakivo 7 activity 1

Leggi tutto...

VMUG Meeting 2017: Padova - 5 aprile

Dopo il successo della UserCon, tenutasi a Milano lo scorso Novembre, il VMUGIT ritorna nel 2017 con un calendario di eventi come sempre ricco e stimolante.

vmug logo

Ne approfittiamo per tenervi aggiornati sugli incontri di VMUG, sempre utili per chi è in cerca di maggiori informazioni sul mondo VMware, o anche solo di un'occasione per confrontarsi con persone che lavorano con le stesse tecnologie. Il primo meeting del 2017 si terrá mercoledí 5 aprile a Padova.

Gli highlights del meeting sono sessioni su questi argomenti:

SAP HANA on vSphere - Enrico Ongaro (VMware)
Sicurezza a 360° - Cloud, Mobile e Threat Prevention - David Gubiani (Checkpoint)
Green Padlock : A survival guide to vsphere SSL certificates - Marco Scandaletti (Community Speaker)
Photon Controller 1.1.1 Live demo con Alan Civita (Sky UK - Community Speaker)
Questo è Cloud Data Management! - Giampiero Petrosi (Rubrik)

Le registrazioni sono giá aperte, tutte le info e il link alla pagina di registrazione sono disponibili a QUESTO link:

Leggi tutto...

Come gestire le impostazioni di Teaming e Failover di un Distributed vSwitch in vSphere

La finestra Teaming and Failover permette di impostare il bilanciamento del carico (Load Balancing) e le politiche di failover che determinano in che modo il traffico di rete è distribuito tra gli uplink e in che modo deve essere reindirizzato in caso di errori sulle interfacce fisiche.

  • Load Balancing.
    • Route based on originating virtual port - l’uplink è scelto in base alla porta virtuale dalla quale il traffico entra nello switch distribuito.
    • Route based on IP hash - l'instradamento è basato sull’hash degli indirizzi IP (sorgente e destinazione) di ogni pacchetto.

      Leggi tutto...

Come gestire le VLAN in un Distributed vSwitch in vSphere

La finestra VLAN permette di definire le impostazioni relative al tipo di VLAN da utilizzare nel port group distribuito.

  • None - nessuna VLAN da utilizzare
  • VLAN - inserire l’ID della VLAN da utilizzare, da 1 a 4094
  • VLAN Trunking - inserire il range del trunk, all’interno dell’intervallo 1 - 4094
  • Private VLAN - selezionare una VLAN privata configurata in precedenza.

    Leggi tutto...

Come gestire le impostazioni di Traffic Shaping di un Distributed vSwitch

Le impostazioni di Traffic Shaping sono finalizzate a ottimizzare e garantire le prestazioni per il traffico di rete, a ridurre o controllare i tempi di latenza e a sfruttare al meglio la banda disponibile, tramite l'accodamento e il ritardo dei pacchetti in ingresso (ingress) ed in uscita (egress).

  • Average Bandwidth: valore di traffico medio che lo switch cerca di far rispettare.
  • Peak Bandwidth: larghezza di banda extra disponibile per brevi istanti.
  • Burst Size: quantità di traffico che può essere trasmesso o ricevuto alla velocità di picco.

    Leggi tutto...

Come gestire le impostazioni di sicurezza di un Distributed vSwitch in vSphere

Le impostazioni di sicurezza sono valide per l’intero port group distribuito, con concetti simili a quanto già visto per gli switch standard.

  • Promiscuous Mode: impostazione della modalità promiscua per le interfacce di rete virtuali. Se si sceglie Reject (impostazione di default), le interfacce virtuali non saranno in grado di intercettare il traffico non indirizzato ad esse, anche se impostate in modalità promiscua. Con l’impostazione Accept, è possibile eseguire attività di sniffing in rete.

    Leggi tutto...

Come configurare una Distributed Port di un Distributed vSwitch in vSphere

Una porta distribuita (Distributed Port) è semplicemente una porta che appartiene ad uno switch distribuito e che permette il collegamento in rete del VMkernel o delle macchine virtuali. In maniera predefinita, la configurazione di una porta distribuita è determinata dalle impostazioni del port group cui appartiene. È comunque possibile assegnare impostazioni specifiche per ogni singola porta.

Leggi tutto...

Come gestire le interfacce di rete in un Distributed vSwtich in vSphere

Per ogni host associato ad uno switch distribuito, è necessario dedicare almeno un’interfaccia fisica (ossia un uplink) allo switch distribuito; è possibile assegnare nuove interfacce fisiche in qualsiasi momento. Per ogni host, si può dedicare una sola interfaccia fisica per ogni porta di uplink dello switch distribuito.

Le interfacce virtuali sono invece utilizzate per fornire servizi di rete (ad esempio vMotion o IP storage) attraverso lo switch distribuito. Le interfacce virtuali di uno switch distribuito sono di tipo VMkernel. Per ogni host associato allo switch distribuito, si possono creare nuove interfacce VMkernel o migrare quelle esistenti.

Leggi tutto...

Come abilitare le VLAN private su un Distributed vSwitch in vSphere

Le VLAN private sono utilizzate per risolvere i limiti del VLAN ID e il problema dello spreco di indirizzi in alcune configurazioni di rete. Una VLAN privata è identificata da un ID primario, ma può avere più ID secondari associati ad essa. Nel primo caso la VLAN prende il nome di VLAN privata primaria, nel secondo caso VLAN privata secondaria. La VLAN primaria è di tipo promiscuo, ossia le sue porte possono comunicare con tutte le porte configurate con l’ID primario.

Leggi tutto...

Come aggiungere un host ad un Distributed vSwitch in vSphere

È possibile associare gli host ESXi e le interfacce di rete ad uno switch distribuito anche dopo la creazione dello switch stesso. Con vSphere Client, gli host e le interfacce sono associabili allo switch distribuito sia durante la creazione dello switch stesso, sia successivamente, mentre con vSphere Web Client sono necessari dei passaggi da eseguire successivamente alla creazione dello switch.

Procedura tramite vSphere Client

Per aggiungere un nuovo host ad uno switch distribuito, i passaggi sono indicati di seguito.

Leggi tutto...

Come gestire le impostazioni di MTU di uno Standard vSwitch ed abilitare i Jumbo Frame in vSphere

MTU, Maximum Transmission Unit, è la grandezza massima che può avere un pacchetto di livello 3 della pila ISO OSI, o livello rete nella pila TCP/IP (immagine sotto). In condizioni normali, tale dimensione è di 1500 byte.vsphere standard virtual switch mtuÈ possibile migliorare il rendimento della rete e ridurre l’utilizzo della CPU durante il trasferimento di file di grandi dimensioni, abilitando carichi maggiori e più efficienti per ogni pacchetto trasmesso. Per fare questo si utilizzano i Jumbo frame, ossia frame Ethernet di dimensioni superiori a 1500 byte.

Leggi tutto...

Come gestire Teaming e Failover di Standard vSwitch in vSphere

Uno switch virtuale può essere connesso a più interfacce di rete fisiche (quelle dell'host ESXi) e sfruttare più uplink per il collegamento alla rete fisica; la funzionalità che permette l’uso contemporaneo di più uplink è chiamata NIC Teaming.

Le interfacce fisiche di uno stesso team devono trovarsi nello stesso dominio di broadcast. Per intenderci, non devono essere attestate su porte appartenenti a VLAN diverse. Il NIC Teaming è configurabile sia a livello di switch virtuale che di port group. Se per un port group non vengono specificate impostazioni, allora vengono ereditate le impostazioni dello switch virtuale. Le impostazioni possibili riguardano principalmente due aspetti: il bilanciamento del carico e il failover.

  • Il bilanciamento del carico (Load Balancing) permette di distribuire il traffico tra macchine virtuali e rete fisica attraverso due o più uplink. In pratica si ottiene un throughput più alto, e la quantità di dati trasmessi nell'unità di tempo sarà superiore a quella disponibile con un solo uplink.
  • Il failover è il meccanismo con cui il traffico di rete viene instradato su un'altra interfaccia di rete fisica quando la prima non è più operativa.

    Leggi tutto...

Come gestire le impostazioni di Traffic Shaping per Standard vSwitch in vSphere

Le impostazioni del Traffic Shaping, disponibili sia a livello di switch che di port group, consentono di ottimizzare e garantire le prestazioni del traffico di rete, riducendo i tempi di latenza e sfruttando al meglio la banda disponibile grazie a meccanismi che prevedono l'accodamento e il ritardo dei pacchetti in uscita (outbound traffic). Le impostazioni, indicate qui sotto, valgono per tutte le porte virtuali connesse allo switch o al port group.

Leggi tutto...

Come gestire le impostazioni di sicurezza di uno Standard vSwitch in vSphere

Le impostazioni di sicurezza della rete virtuale (network security policies) sono configurabili sia a livello di switch sia di port group. Se vengono definite impostazioni specifiche per un port group, allora queste prevalgono sulle impostazioni assegnate a livello di switch. I parametri si configurano nelle proprietà dello switch o del port group, tramite vSphere Client o vSphere Web Client. Come già indicato in più occasioni, solo se si utilizza vSphere Client ci si può collegare direttamente all’host ESXi che contiene lo switch da modificare.

Leggi tutto...

Come creare una macchina virtuale in vSphere

Procedura tramite vSphere Client
Per la creazione di una VM, è necessario collegarsi al vCenter o direttamente ad un host ESXi. Il secondo metodo è consigliabile solo se l’host ESXi non fa parte di un’infrastruttura vSphere. È il caso, ad esempio, di vSphere ESXi in versione gratuita, che permette di creare e gestire una o più macchine virtuali all’interno di un unico host.

In ogni caso, dopo aver eseguito il login, è sufficiente fare clic con il tasto destro su un qualsiasi oggetto dell’inventario contenitore di VM (datacenter, cartella, cluster, resource pool, host) e selezionare la voce New Virtual Machine.

Leggi tutto...

Come installare i VMware Tools in vSphere

I VMware Tools sono un insieme di utilità che migliorano le prestazioni dei sistemi operativi guest. Il miglioramento è principalmente dovuto alla sostituzione dei driver generici dei sistemi guest con driver specifici progettati per l’hardware virtuale. È consigliato installare sempre e comunque i VMware Tools. L’installazione comprende anche gli elementi sotto indicati:

  • un driver video SVGA;
  • il driver vmxnet per le interfacce di rete;
  • il driver SCSI BusLogic;
  • un driver di controllo per l’allocazione efficiente della memoria tra macchine virtuali;
    il pannello di controllo dei VMware Tools.

    Leggi tutto...

Come eseguire il deployment di una Virtual Appliance in vSphere

Una virtual appliance è una VM preconfigurata che include il sistema operativo guest e altri software già installati. Può essere importata nell’inventario del vCenter Server o direttamente su un host ESXi tramite vSphere Client. Le virtual appliance sono distribuite nel formato OVF (Open Virtualization Format), un formato aperto per la distribuzione di macchine virtuali.

Importazione di una virtual appliance
Tramite vSphere Client, selezionare la voce Deploy OVF Template dal menu File.

Leggi tutto...

vSphere: elementi caratterizzanti di una macchina virtuale

La virtualizzazione permette di ospitare più sistemi operativi all’interno di una stessa macchina fisica, razionalizzando e ottimizzando l’hardware grazie a meccanismi di distribuzione delle risorse disponibili. La virtualizzazione rende possibile astrarre gli elementi hardware (hard disk, ram, CPU, interfacce di rete) e renderli disponibili sotto forma di risorse virtuali. L’insieme di queste risorse virtuali prende il nome di macchina virtuale, o Virtual Machine (VM). Su una macchina virtuale può essere installato un sistema operativo e le relative applicazioni; più macchine virtuali possono girare contemporaneamente su una stessa macchina fisica.

Tutte le macchine virtuali hanno una certa uniformità per quanto riguarda il tipo di hardware, aspetto che rende possibile il loro spostamento attraverso le diverse piattaforme di virtualizzazione VMware. L’elenco che segue descrive nel dettaglio gli elementi hardware che caratterizzano una VM.

CPU
Una VM in esecuzione su VMware ESXi può essere configurata con una o più CPU virtuali. Tuttavia non possono essere assegnate più CPU di quelle presenti nell’host ESXi (CPU logiche, ossia il prodotto tra numero di socket e numero di core).

Leggi tutto...

Gestire i percorsi multipli per lo storage e Path Failover in vSphere

Percorsi multipli per lo storage
Per garantire affidabilità e disponibilità, i sistemi storage di classe enterprise sono generalmente dotati di storage processor doppi, configurabili in modalità active-active o active-passive. In una configurazione active-active, l’accesso alle LUN è consentito simultaneamente attraverso tutti gli storage processor disponibili. Tutti i percorsi sono attivi contemporaneamente (finché un percorso non è più disponibile). In una configurazione active-passive, solo uno storage processor rimane attivo e fornisce l’accesso alle LUN, mentre l’altro attende in modalità passiva (diventa attivo solo in caso di errore del primo).

VMware offre bilanciamento dei carichi e meccanismi di failover nativi, con possibilità di impostare diverse politiche di gestione dei percorsi.

Leggi tutto...

Come configurare gli adattatori FCoE (Fibre Channel over Ethernet) in vSphere

Per l’accesso a una SAN Fibre Channel attraverso una rete Ethernet si sfrutta il protocollo FCoE, che permette di incapsulare il traffico Fibre Channel all’interno di frame Ethernet.

Gli adattatori FCoE utilizzati dall’host ESXi possono essere hardware o software.

  • Gli adattatori hardware sono chiamati CNA, Converged Network Adapter, e contengono nella stessa interfaccia sia la componente Ethernet sia quella Fibre Channel. Queste due parti, all’interno di ESXi, appaiono entrambe, ossia la parte Ethernet sarà mostrata nell’elenco “network adapters” (vmnic), la parte Fibre Channel nell’elenco “storage adapters”. Nessuna configurazione è richiesta per far funzionare la parte Fibre Channel.

    Leggi tutto...

Storage Fibre Channel in VMware vSphere

Gli host ESXi supportano sistemi Fibre Channel e sistemi Fibre Channel over Ethernet (FCoE).

Una SAN Fibre Channel si compone degli elementi indicatidi seguito.

  • La SAN intesa come hardware o sistema si storage - composta da hard disk e uno o più controller (storage processor)
  • LUN - Logical Unit Numbers, unità logiche identificate da indirizzi numerici. Le unità logiche possono essere dei JBOD, ossia un gruppo di dischi accessibili singolarmente o visibili in modo concatenato, oppure dei set RAID.

    Leggi tutto...

vSphere: alla scoperta del Thin Provisioning

VMware vStorage Thin Provisioning consente un utilizzo dinamico dello storage da parte delle macchine virtuali, tramite un’allocazione dello spazio “intelligente” e vantaggiosa per quanto riguarda i costi di gestione. In sostanza, nel momento in cui si crea un disco virtuale in modalità thin per una VM, lo spazio occupato sullo storage sarà quello effettivamente occupato dai dati della VM, indipendentemente dalla dimensione assegnata al disco virtuale. La dimensione massima del disco non viene allocata interamente sullo storage e il disco crescerà nelle dimensioni in base allo spazio che verrà via via richiesto dalla VM durante il suo ciclo produttivo.

Leggi tutto...

EVC e compatibilità CPU degli host ESXi in vSphere

VMware Enhanced vMotion Compatibility (EVC) è un’importante funzionalità che permette di migliorare la compatibilità del vMotion fra gli host all’interno di un cluster, facendo sì che le CPU fisiche, anche nel caso in cui differissero tra loro, offrano alle VM lo stesso set di istruzioni. Utilizzando EVC si evitano errori di vMotion causati da possibili incompatibilità fra CPU. EVC è una funzionalità attivabile in un cluster, e non richiede che i servizi DRS e HA siano abilitati. Grazie all’EVC è più semplice aggiungere nuove CPU nel cluster, perché queste saranno configurate in modalità compatibile con quelle esistenti. Tuttavia la compatibilità è prevista solo fra CPU dello stesso produttore (AMD o Intel).

Leggi tutto...

Come impostare un datastore in Maintenance Mode

È possibile impostare un datastore in modalità Maintenance, con la possibilità di metterlo fuori servizio ed effettuare attività di manutenzione. Questa modalità è possibile solo se il datastore fa parte di un Datastore Cluster con Storage DRS attivo; i datastore “stand-alone” infatti non possono essere impostati in Maintenance mode.

I dischi virtuali presenti nel datastore da impostare in Maintenance Mode devono essere migrati su un altro datastore. È possibile spostarli manualmente, tramite Storage vMotion, oppure automaticamente, sfruttando Storage DRS.

Leggi tutto...

Come attivare Storage DRS in vSphere

Abilitando il servizio Storage DRS all’interno di un Datastore Cluster, si garantiscono le funzionalità descritte di seguito.

  • Initial placement (posizionamento iniziale) - nel momento in cui si crea o si clona una VM, il servizio Storage DRS seleziona un datastore in cui posizionare i dischi della VM; lo stesso meccanismo si verifica quando si migra una VM su un altro Datastore Cluster, o quando si aggiunge un nuovo disco ad una VM. Il posizionamento è realizzato in conformità dei vincoli di spazio e in linea con gli obiettivi di bilanciamento I/O.

    Leggi tutto...

Come creare un Datastore Cluster in vSphere

Un Datastore Cluster è un insieme di datastore in cui le risorse storage sono condivise e l’interfaccia di gestione è in comune. Aggiungendo un datastore all’interno di un Datastore Cluster già esistente, le sue risorse diventeranno parte delle risorse globali del Datastore Cluster. Il servizio vSphere Storage DRS, che vedremo più avanti, viene erogato all’interno di un Datastore Cluster.

Creazione di un Datastore Cluster

Procedura con vSphere Client

  • Andare nella vista Datastores and Datastore Clusters.
  • Fare clic con il tasto destro sul datacenter desiderato.

    Leggi tutto...

banner5

fb icon evo twitter icon evo

Parola del giorno

Don't be Evil è uno slogan interno di Google, ideato da due dipendenti Paul Buccheit e Amit Patel, nell'ottica di...

>

ZOPE è l'acronimo di Z Object Publishing Environment e indica un Web Server open source sviluppato in Python, che permette agli...

>

Il termine Bezel descrive l'involucro esterno (o scocca) di un computer, monitor o di un qualsiasi dispositivo di calcolo. La valutazione...

>

Il termine Random Forest è un costrutto utilizzato nell'ambito della Intelligenza Artificiale e al machine learning. Nello specifico si tratta di...

>

La cifratura (o crittografia) RSA è una tecnica di cifratura dati detta "a chiave pubblica" e sviluppata dalla RSA Data...

>
Leggi anche le altre...

Download del giorno

DiskMon

DiskMon è un utile strumento per monitorare e registrare tutte le attività di I/O sul disco di sistemi Windows...

>

Disk2vhd

Disk2vhd è una utiliy gratuita per la migrazione P2V (phisical to virtual) in ambiente virtuale Hyper-V. Permette di convertire...

>

CurrPorts

CurrPorts è un'utility in grado di mostrare in tempo reale tutte le porte TCP/UDP aperte sulla macchina dove...

>

MailPass View

Lo strumento MailPass View di Nirsoft permette di recuperare e mostrare le password salvate nei principali client di...

>

WebBrowserPass Tool

Lo strumento WebBrowserPass Tool di Nirsoft è un semplice software in grado di mostrare in chiaro le password...

>
Tutti i Download del giorno...

Archivio numeri

  • GURU advisor: numero 16 - ottobre 2017

  • GURU advisor: numero 15 - luglio 2017

    GURU advisor: numero 15 - luglio 2017

  • GURU advisor: numero 14 - maggio 2017

    GURU advisor: numero 14 - maggio 2017

  • GURU advisor: numero 13 -  marzo 2017

    GURU advisor: numero 13 - marzo 2017

  • GURU advisor: numero 12 -  gennaio 2017

    GURU advisor: numero 12 - gennaio 2017

  • GURU advisor: numero 11 -  ottobre 2016

    GURU advisor: numero 11 - ottobre 2016

  • GURU advisor: numero 10 - 8 agosto 2016

    GURU advisor: numero 10 - 8 agosto 2016

  • GURU advisor: numero 9 - 29 Giugno 2016

    GURU advisor: numero 9 - 29 Giugno 2016

  • 1
  • 2
  • 3
  • Teslacrypt: rilasciata la chiave

    Gli sviluppatori del temuto ransomware TeslaCrypt hanno deciso di terminare il progetto di diffusione e sviluppo e consegnare al pubblico la chiave universale per decifrare i file. Read More
  • Proxmox 4.1 sfida vSphere

    Proxmox VE (da qui in avanti semplicemente Proxmox) è basato sul sistema operativo Debian e porta con sé vantaggi e svantaggi di questa nota distribuzione Linux: un sistema operativo stabile, sicuro, diffuso e ben collaudato. Read More
  • Malware: risvolti legali

    tutti i virus e in particolare i più recenti Ransomware, che rubano i vostri dati e vi chiedono un riscatto, violano la legge. Vediamo insieme come comportarsi, per capire anche se e quando bisogna sporgere denuncia. Read More
  • 1