Per ogni host associato ad uno switch distribuito, è necessario dedicare almeno un’interfaccia fisica (ossia un uplink) allo switch distribuito; è possibile assegnare nuove interfacce fisiche in qualsiasi momento. Per ogni host, si può dedicare una sola interfaccia fisica per ogni porta di uplink dello switch distribuito.

Le interfacce virtuali sono invece utilizzate per fornire servizi di rete (ad esempio vMotion o IP storage) attraverso lo switch distribuito. Le interfacce virtuali di uno switch distribuito sono di tipo VMkernel. Per ogni host associato allo switch distribuito, si possono creare nuove interfacce VMkernel o migrare quelle esistenti.

Gestione delle interfacce fisiche tramite vSphere Client

  1. Nella modalità di visualizzazione Hosts and Clusters, selezionare l’host desiderato.
  2. Nel tab Configuration, fare clic su Networking.
  3. Selezionare la modalità di visualizzazione vSphere Distributed Switch e fare clic su Manage Physical Adapters.vsphere distributed vswitch gestione uplink client 1
  4. Fare clic su Add NIC e selezionare l’interfaccia fisica da aggiungere. Se si seleziona un’interfaccia già impegnata su un altro switch, questa sarà rimossa da quello switch e riassegnata allo switch corrente. Per rimuovere un’interfaccia, fare clic su Removevsphere distributed vswitch gestione uplink client 2
  5. Fare clic su OK per terminare la procedura

Gestione delle interfacce fisiche tramite vSphere Web Client

1. Nel pannello di navigazione a sinistra, individuare un host, fare clic sul tab Manage e selezionare Networking > Virtual Switches.
2. Selezionare lo switch distribuito desiderato e fare clic su Manage the physical network adapters.vsphere distributed vswitch gestione uplink web client 1
3. Fare clic su Add adapters (simbolo “+”) per aggiungere un’interfaccia fisica (uplink), oppure fare clic su Remove (simbolo “x”) per la rimozione.
4. Se si sta aggiungendo un’interfaccia, selezionarla dalla lista che appare, impostando la porta di uplink di destinazione. vsphere distributed vswitch gestione uplink web client 2

Gestione delle interfacce virtuali tramite vSphere Client
La procedura per creare una nuova interfaccia VMkernel è indicata di seguito.

  1. Selezionare un host nella modalità di visualizzazione Hosts and Clusters.
  2. Nel tab Configuration, fare clic su Networking.
  3. Selezionare la modalità di visualizzazione vSphere Distributed Switch.
  4. Fare clic su Manage Virtual Adapters e fare clic su Add.
  5. Selezionare la voce New virtual adapter.vsphere distributed vswitch new virtual adapter client
  6. Selezionare la voce VMkernel, quindi scegliere il port group distribuito o l’ID della porta a cui connettere la nuova interfaccia.
  7. Selezionare i servizi che devono essere forniti dall’interfaccia VMkernel: vMotion, Fault Tolerance, Management.
  8. Configurare i parametri di rete, andare avanti e fare clic su Finish.

Procedura per migrare un’interfaccia già esistente.

  1. Ripetere i passaggi precedenti sino al punto 4.
  2. Selezionare la voce Migrate existing virtual network adapters.
  3. Selezionare una o più interfacce di rete da migrare.
  4. Per ogni interfaccia selezionata, specificare il port group di destinazione dal menu a tendina.
  5. Andare avanti e fare clic su Finish.

Gestione delle interfacce virtuali tramite vSphere Web Client

  1. Nel pannello di navigazione a sinistra, selezionare l’host desiderato e fare clic con il tasto destro su di esso.
  2. Selezionare le voci All vCenter Actions > Add Networking.
  3. Nella pagina Select connection type, selezionare VMkernel Network Adapter e fare clic su Next.vsphere distributed vswitch vmkernel network adapter 1
  4. Nella pagina Select target device, selezionare un distributed port group esistente e fare click Next.
  5. Nella pagina Port properties, selezionare i servizi che devono essere forniti dall’interfaccia VMkernel, e fare clic su Next.vsphere distributed vswitch vmkernel network adapter 2
  6. Configurare i parametri di rete, andare avanti e fare clic su Finish

Le istruzioni presenti in questa pagina fanno riferimento alla versione 5.x di VMware vSphere.

L'autore

Alessio Carta

Responsabile sistemi presso un System Integrator con sede in Sardegna, si occupa di informatica e telecomunicazioni da oltre 10 anni. La sua formazione comprende una laurea in ingegneria, una specializazione IFTS in progettazione di reti telematiche, certificazioni Cisco CCNA, Cisco CCNA Security, MCP sui sistemi Windows Server e VCP su VMware vSphere (5.1, 5.5, 6.0). È istruttore presso una VMware IT Academy con sede a Cagliari.

banner5

fb icon evo twitter icon evo

Parola del giorno

Il termine Agentless (computing) descrive operazioni dove non è necessaria la presenza e l'esecuzione di un servizio software (demone o...

>

L'acronimo JSON (JavaScript Object Notation) indica uno specifico formato per lo scambio di dati. Si tratta di un tipo di...

>

VCS è l'acronimo di Versioning Control System  e descrive tutti quegli strumenti software in grado di gestire in modo strutturato...

>

SNMP (Simple Network Management Protocol)  è un protocollo di rete standard, funzionante su UDP alle porte 161 e 162, che...

>

SysLog  è un protocollo di rete molto semplice, che permette di inviare informazioni di log attraverso reti di calcolatori. Nato...

>
Leggi anche le altre...

Download del giorno

Fiddler

Fiddler è un server proxy che può girare in locale per consentire il debug delle applicazioni e il...

>

Adapter Watch

Adapter Watch è uno strumento che permette di visualizzare un riepilogo completo e dettagliato delle informazioni riguardanti una determinata...

>

DNS DataView

DNS Lookup  è un tool a interfaccia grafica per effettuare il lookup DNS dal proprio PC, sfruttando i...

>

SolarWinds Traceroute NG

SolarWinds Traceroute NG è un tool a linea di comando per effettuare traceroute avanzati in ambiente Windows...

>

Network Inventory Advisor

Network Inventory Advisor  è uno strumento che permette di scansionare la rete e acquisire informazioni riguardanti tutti i...

>
Tutti i Download del giorno...

Archivio numeri

  • GURU advisor: numero 19 - luglio 2018

    GURU advisor: numero 19 - luglio 2018

  • GURU advisor: numero 18 - aprile 2018

    GURU advisor: numero 18 - aprile 2018

  • GURU advisor: numero 17 - gennaio 2018

    GURU advisor: numero 17 - gennaio 2018

  • GURU advisor: numero 16 - ottobre 2017

    GURU advisor: numero 16 - ottobre 2017

  • GURU advisor: numero 15 - luglio 2017

    GURU advisor: numero 15 - luglio 2017

  • GURU advisor: numero 14 - maggio 2017

    GURU advisor: numero 14 - maggio 2017

  • GURU advisor: numero 13 -  marzo 2017

    GURU advisor: numero 13 - marzo 2017

  • GURU advisor: numero 12 -  gennaio 2017

    GURU advisor: numero 12 - gennaio 2017

  • 1
  • 2
  • 3
  • Teslacrypt: rilasciata la chiave

    Gli sviluppatori del temuto ransomware TeslaCrypt hanno deciso di terminare il progetto di diffusione e sviluppo e consegnare al pubblico la chiave universale per decifrare i file. Read More
  • Proxmox 4.1 sfida vSphere

    Proxmox VE (da qui in avanti semplicemente Proxmox) è basato sul sistema operativo Debian e porta con sé vantaggi e svantaggi di questa nota distribuzione Linux: un sistema operativo stabile, sicuro, diffuso e ben collaudato. Read More
  • Malware: risvolti legali

    tutti i virus e in particolare i più recenti Ransomware, che rubano i vostri dati e vi chiedono un riscatto, violano la legge. Vediamo insieme come comportarsi, per capire anche se e quando bisogna sporgere denuncia. Read More
  • 1