Bollettino Cloud - Datacenter Ottobre 2017

Amazon AWS aprirà region in Medio-Oriente entro il 2019
AWS sta costruendo una nuova region in Medio Oriente per AWS.
La nuova region sarà disponibile entro inizio 2019 ed avrà base in Bahrain, con 3 Availability Zones all’inaugurazione (destinate ad aumentare) e permetterà a clienti e partner AWS di creare istanze virtuali, gestire i workload e conservare dati nel Medio Oriente.
È inoltre in previsione l’apertura di una “edge location” negli Emirati Arabi Uniti nel Q1 2018 che consentirà di utilizzare i servizi Amazon CloudFront, Amazon Route 53, AWS Shield e AWS WAF in Medio Oriente.
Questi due annunci si sommano a quelli riguardo all’apertura dei due uffici AWS a Dubai (EAU) e Manama (Bahrain), a testimonianza dell’attenzione di Amazon verso il mercato di questo spicchio di mondo.

Disponibile report sui container di Cloud Foundry
Cloud Foundry, il sistema Platform-as-a-Service (PaaS) open source e multi cloud di Cloud Foundry Foundation, ha pubblicato un report sui container dal titolo “Hope Versus Reality, One Year Later -- An Update on Containers”. 
Tra i risultati evidenziati nel report, segnaliamo anzitutto la crescente percentuale di aziende che adottano container (67%, in crescita dal 54% dell’anno scorso) -sia in produzione (25%) che in fase di valutazione (42%).


SAP si unisce al Cloud Native Computing Foundation
SAP, il gigante tedesco nel settore applicativi gestionale, si unisce a Cloud Native Computing Foundation la fondazione di Linux Foundation che gestisce, tra gli altri, i progetti open-source Kubernetes (orchestration), rkt (runtime) e Prometheus (monitoring), tutti e tre relativi al mondo dei container e che vanta sponsor del calibro di AWS, Cisco, CoreOs, Dell, Docker, Fujitsu, Google, Huaei, IBM, Intel, Microsoft, Red Hat e VMware.
Sesto partner di livello Platinum ad unirsi alla fondazione quest’anno, SAP con questa sponsorizzazione testimonia la propria partecipazione all’ecosistema OSS (Open Source Software) e l’impegno crescente al mondo open source: ad esempio il sistema HANA Vora Big Data (che recentemente è disponibile su piattaforma AWS con le nuove istanze x1e.32xlarge https://aws.amazon.com/it/blogs/aws/now-available-ec2-instances-with-4-tb-of-memory/) utilizza componenti dello stack Apache Hadoop per i big data.
La sponsorizzazione garantisce a SAP un posto nel governing board della fondazione e il diritto di voto in ogni attività del board, di fatto potendo in qualche modo decidere il futuro di Cloud Native Computing Foundation.

Google Cloud Computing inaugura una nuova region europea in Germania
Google Cloud Computing ha inaugurato una nuova region in Germania con 3 zone e datacenter in Francoforte, appunto la terza in Europa dopo Belgio (europe-west1) e Gran Bretagna (Londra, europe-west2).

I servizi disponibili nella nuova region riguardano i prodotti compute (Compute Engine, App Engine, Container Engine), storage (Cloud Storage, Cloud Datastore, Cloud SQL, Persistent Disk), networking (Cloud Virtual Networking, Cloud Load Balancing), big data (Cloud Dataflow, Cloud Dataproc, Cloud Datalab).
Anche in Sud-America è stata inaugurata una region, southamerica-east1, con 3 zone e datacenter in Brasile (San Paolo). I servizi offerti sono gli stessi della nuova region europea, i dettagli delle region sono consultabili a questo indirizzo
Inoltre Google comunica di aver installato nuove GPU più potenti: NVIDIA K80 in produzione e NVIDIA P100 in fase beta; sono disponibili per le istanze create nelle region US West - Oregon, US East - South Carolina, Europe West - Belgium e Asia East - Taiwan.
Le GPU migliorano le prestazioni nei processi di machine learning e in tutti quei workload che richiedono potenza computazionale aggiuntiva.


Terminata la costruzione di Marea, un cavo sottomarino tra USA ed Europa
È terminata la costruzione di Marea, finanziata da Microsoft, Facebook e Telxius, un’azienda del provider spagnolo Telefonica.
Il cavo, la cui posa a 5km di profondità è stata completata in meno di 2 anni, collega USA (Virginia Beach, Virginia) ed Europa (Bilbao, Spagna) ed ha una capacità di trasmissione è di 160 Terabit/s.
Tra le altre cose, Marea migliorerà il Cloud Microsoft.

Azure introduce le Availability Zones
Azure annuncia l’introduzione delle Availability Zones, seppur in modalità preview.
Le Availability Zones permettono di migliorare le capacità di resilienza di Azure e di ampliare le opzioni disponibili ai clienti in quanto a scelta di una corretta soluzione di business continuity per le proprie necessità, e sono un concetto già adottato dai principali competitor - Google Cloud Computing ed Amazon AWS.
In sostanza, le AZ sono settori isolati e fault-tolerant all’interno di una region di datacenter, ciascuno con il proprio sistema di fornitura elettrica, raffreddamento, connettività, etc.. così da offrire ridondanza e quindi una prima linea di difesa contro un disservizio all’interno della region.
Sono disponibili in modalità preview in due regioni: East US 2 (Virginia) e West Europe (Paesi Bassi), ma naturalmente sono in previsione altre regioni negli USA, Europa ed Asia entro la fine dell’anno, inclusa la nuova region France Central in Parigi.
Sono supportate le istanze Av2, Dv2, DSv2 e i servizi Linux Virtual Machines, Windows Virtual Machines, Zonal Virtual Machine Scale Sets, Managed Disks e Load Balancer.

HPE acquisisce Cloud Technology Partners
HPE rende noto di aver aquistato Cloud Technology Partners, una società di consulenza in ambito IT.
La mission di CTP si riassume consulenza in termini di migrazione nel cloud (aiuta i clienti a determinare quali applicazioni sono ottimali per cloud pubblici e privati, esegue la migrazione), innovazione (aiuta il cliente a creare soluzioni con tecnologie chiave come IoT, Big Data e Machine Learning) e operazioni nel cloud (aiuta i clienti con la suite di servizi gestiti Managed Cloud Controls a raggiungere obiettivi di governance e compliance a rischi e regolamenti e automatizza l’allineamento delle spese cloud effettive con quelle previste rispetto al risparmio TCO nel business case originale e l’ottimizzazione delle spese).
CTP è cloud-agnostic, ossia lavora con diverse piattaforme come Amazon Web Services, Microsoft Azure, Google e OpenStack.
HPE, con l’aiuto di CTP, può offrire ai propri clienti una vasta gamma di soluzioni IT strategiche relative a cloud pubblico, privato ed ibrido, oltre che alle soluzioni IT tradizionali, sempre nel segno di un mercato che punta verso soluzioni cloud ibride che sfruttano il meglio dei due mondi -- infrastrutture on-premises e infrastrutture virtuali in un cloud pubblico.

Equinix acquista Itconic
Equinix annuncia l’acquisizione di Itconic, attivo nel campo datacenter, connettività e infrastrutture cloud e basato in Spagna e Portogallo, e della sussidiaria CloudMas.
L’acquisizione di Itconic rafforza la posizione di Equinix in Europa espandendosi in due paesi grazie all’acquisizione di 5 datacenter in quattro aree metropolitane (Madrid, Barcellona, Siviglia e Lisbona. Il team di CloudMas port competenze in termini di architetture cloud ibride e strategie di adozione e migrazione cloud.
Inoltre permette ad Equinix di gestire una crescita di traffico tra Europa, Sud America ed Africa grazie a sistemi di cavi sottomarini, tra cui quelli connessi al datacenter di Lisbona: ACE (African Coast to Europe), WACS (West Africa Cable System), Tata Global Network e il costruendo MainOne. Il datacenter di Siviglia è connesso a Canalink (Spagna e isole Canarie).

Stellar: Cloud Server made in Italy

L’adozione di sistemi cloud privati, pubblici o ibridi ormai coinvolge la quasi totalità delle aziende con infrastrutture informatiche: Stellar offre Cloud Server dedicati a MSP, EDP manager, amministratori di sistema, Web Agency, Software House e Professionisti IT che hanno bisogno di un sistema Cloud affidabile e prestazionale.

I server forniti sono adatti ad ambienti di produzione che necessitano (oltre alle prestazioni) di continuità di servizio garantita come server di posta e di autenticazione, file sharing, desktop remoto, database, software applicativi (ERP, CRM, gestionali, etc..) e in genere tutti quei servizi per i quali vengono sfruttate le moderne tecniche di virtualizzazione.

Un’infrastruttura dedicata

Stellar basa la sua infrastruttura su due colossi leader del settore come VMware vSphere e HP: i server sono organizzati in micro-cluster – chiamati Small Cloud Cluster – composti da tre host ciascuno. Si tratta di server HP DL360 con doppio processore Intel Xeon E5 v3, 192GB di RAM, doppia scheda di rete fisica (8 porte 1GBit) e alimentatore ridondato.

Leggi tutto...

Bollettino Cloud-Datacenter Luglio 2017

Disponibile il report Gartner “Magic Quadrant” per il mercato Cloud IaaS
Gartner, azienda leader nei servizi di consulenza, ricerca e analisi in ambito IT, ha pubblicato l’annuale report “Magic Quadrant” per il mercato Cloud IaaS, disponibile a questo indirizzo.

Tra i risultati più interessanti, la comparsa di due player come Alibaba Cloud (“il potenziale del fornitore è di diventare un'alternativa ai provider di cloud di iperscala globale in determinate regioni nel tempo”) e Oracle Cloud e la scomparsa di VMware vCloud Air. AWS mantiene il primato nel primo quadrante, seguito da Microsoft Azure: i due player sono i soli ad occupare il quadrante dei “Leader Visionari”, e si spartiscono la gran parte del mercato.
In generale il mercato Cloud IaaS viene descritto come frammentato, in fase di riavvio (diversi player stanno riformulando le loro offerte e le loro infrastrutture) e, in virtù di un divario che non cessa a crescere tra competitor, diversi provider si stanno specializzando con soluzioni specifiche.


Il mercato Cloud varrà $200 miliardi entro il 2020
Uno studio presentato da Synergy Research Group prevede una crescita delle rendite di servizi SaaS e Cloud con un tasso annuo medio del 23-29% per i prossimi 5 anni tagliando il traguardo dei $200 miliardi nel 2020. A ciò si accompagna una crescita annua dell’11% nella vendita di infrastrutture a Cloud Provider su iperscala. 
Il settore Public Cloud vedrà la crescita maggiore, 29% annuo, seguito da servizi di Private Cloud con il 26% e SaaS con il 23%. L’area APAC (Asia Pacifica) sarà la regione con la crescita maggiore, seguita da EMEA (Europa, Medio Oriente ed Africa) seguita da Nord America; le aree di maggior sviluppo saranno quelle riguardanti database e servizi IaaS/PaaS orientati all’Internet of Things.


CommScope acquisice Cable Exchange
CommScope annuncia di aver intenzione di acquisire Cable Exchange, società privata operativa nel settore lavorazione rame e fibra ottica per comunicazioni audio, video e dati.

La californiana Cable Exchange produce cavi, trunk, jumper e altri prodotti in rame e fibra ottica, usati in datacenter ad alta capacità e altre applicazioni business enterprise.
Questa acquisizione rinforza le capacità di CommScope di supporto ad un mercato in crescita per datacenter multi-tenant ad alta capacità e datacenter su iper-scala adottati dalle maggiori aziende retail. Dal momento che sempre più informazioni generate dagli utenti e commerciali scorrono tra le reti, gli operatori stanno dispiegando velocemente datacenter più grandi e più sofisticati per supportare la crescita di traffico e transazioni.

Leggi tutto...

Bollettino Cloud - Datacenter maggio 2017

Disponibile il report Gartner “Magic Quadrant” per il commercio online
Gartner, azienda leader nei servizi di consulenza, ricerca e analisi in ambito IT, ha pubblicato l’annuale report “Magic Quadrant” per il commercio online (Digital Commerce), disponibile a questo indirizzo

Tra i risultati più interessanti del report si evidenzia una crescita annua prevista del 15% dal 2015 al 2020 del mercato delle piattaforme di commercio online, comprensiva di licenze, supporto e servizi SaaS; la spesa totale sarà di 9,4 miliardi di dollari entro il 2020, di cui il 53% proviene da soluzioni on-premises.

Leggi tutto...

Bollettino Cloud - Datacenter aprile 2017

Extreme Networks acquista il datacenter di Brocade

Extreme Networks, società attiva nel settore delle soluzioni network con base a San José, California, ha intenzione di acquistare il datacenter di Brocade per $55 milioni (e bonus aggiuntivi per i successivi 5 anni), come si legge nel comunicato stampa.
L’acquisizione avverrà non appena verrà completato il processo di acquisizione di Brocade, società di San José che vende router, switch e soluzioni software per data center (e proprietaria di Vyatta, il sistema operativo per dispositivi network su cui si basa quello di Ubiquiti), da parte della singaporese Broadcom (acquisizione da $5,9 miliardi).

Leggi tutto...

banner5

fb icon evo twitter icon evo

Parola del giorno

Don't be Evil è uno slogan interno di Google, ideato da due dipendenti Paul Buccheit e Amit Patel, nell'ottica di...

>

ZOPE è l'acronimo di Z Object Publishing Environment e indica un Web Server open source sviluppato in Python, che permette agli...

>

Il termine Bezel descrive l'involucro esterno (o scocca) di un computer, monitor o di un qualsiasi dispositivo di calcolo. La valutazione...

>

Il termine Random Forest è un costrutto utilizzato nell'ambito della Intelligenza Artificiale e al machine learning. Nello specifico si tratta di...

>

La cifratura (o crittografia) RSA è una tecnica di cifratura dati detta "a chiave pubblica" e sviluppata dalla RSA Data...

>
Leggi anche le altre...

Download del giorno

DiskMon

DiskMon è un utile strumento per monitorare e registrare tutte le attività di I/O sul disco di sistemi Windows...

>

Disk2vhd

Disk2vhd è una utiliy gratuita per la migrazione P2V (phisical to virtual) in ambiente virtuale Hyper-V. Permette di convertire...

>

CurrPorts

CurrPorts è un'utility in grado di mostrare in tempo reale tutte le porte TCP/UDP aperte sulla macchina dove...

>

MailPass View

Lo strumento MailPass View di Nirsoft permette di recuperare e mostrare le password salvate nei principali client di...

>

WebBrowserPass Tool

Lo strumento WebBrowserPass Tool di Nirsoft è un semplice software in grado di mostrare in chiaro le password...

>
Tutti i Download del giorno...

Archivio numeri

  • GURU advisor: numero 16 - ottobre 2017

  • GURU advisor: numero 15 - luglio 2017

    GURU advisor: numero 15 - luglio 2017

  • GURU advisor: numero 14 - maggio 2017

    GURU advisor: numero 14 - maggio 2017

  • GURU advisor: numero 13 -  marzo 2017

    GURU advisor: numero 13 - marzo 2017

  • GURU advisor: numero 12 -  gennaio 2017

    GURU advisor: numero 12 - gennaio 2017

  • GURU advisor: numero 11 -  ottobre 2016

    GURU advisor: numero 11 - ottobre 2016

  • GURU advisor: numero 10 - 8 agosto 2016

    GURU advisor: numero 10 - 8 agosto 2016

  • GURU advisor: numero 9 - 29 Giugno 2016

    GURU advisor: numero 9 - 29 Giugno 2016

  • 1
  • 2
  • 3
  • Teslacrypt: rilasciata la chiave

    Gli sviluppatori del temuto ransomware TeslaCrypt hanno deciso di terminare il progetto di diffusione e sviluppo e consegnare al pubblico la chiave universale per decifrare i file. Read More
  • Proxmox 4.1 sfida vSphere

    Proxmox VE (da qui in avanti semplicemente Proxmox) è basato sul sistema operativo Debian e porta con sé vantaggi e svantaggi di questa nota distribuzione Linux: un sistema operativo stabile, sicuro, diffuso e ben collaudato. Read More
  • Malware: risvolti legali

    tutti i virus e in particolare i più recenti Ransomware, che rubano i vostri dati e vi chiedono un riscatto, violano la legge. Vediamo insieme come comportarsi, per capire anche se e quando bisogna sporgere denuncia. Read More
  • 1