Qualche mese fa avevamo parlato del travagliato rilascio delle ultime due versioni di FreeNAS, tra l’arrivo della nuova interfaccia grafica, l’abbandono prematuro di “Corral” e infine lo sviluppo della versione 11.0 di nuovo dotata della UI classica.

Alla IXSystems non si sono fatti scoraggiare e hanno proseguito lo sviluppo del sistema NAS fino al recente rilascio della versione 11.1 tutta nuova.

Novità estetiche, ma anche di sostanza

Partiamo dall’aspetto che maggiormente attira l’attenzione di un sistema, altrimenti, piuttosto tradizionale a livello di funzionalità: la nuova interfaccia grafica. Abbandonato il tema scuro e spigoloso visto nella scorsa recensione, gli sviluppatori si sono orientati verso un decisamente più piacevole tema a base chiara, con una organizzazione grafica più pulita e piacevole. Il design ricorda quello dell’ambiente Android di ultima generazione, piuttosto piatto e con icone e volumi caratterizzati da contorni tondeggianti e colori vivaci.

Free11 dash

Il menu orizzontale superiore è stato completamente rimosso, a favore di una unità laterale a scomparsa, che racchiude tutte le funzioni storicamente presenti. Anche la struttura delle sotto voci è stata rivista e riorganizzata, ma risulta nel complesso facilmente navigabile e coerente con quella classica a cui siamo abituati. Altra novità della nuova UI è la corretta visualizzazione anche da dispositivi mobili.

 Migliora in modo sostanziale la rappresentazione grafica dei dati, sia nella dashboard, sia nell’area dedicata alla reportistica. I grafici sono estremamente dettagliati e allo stesso tempo molto belli da vedere e da consultare. Anche la shermata iniziale guadagna un sostanzioso miglioramento grafico, con rappresentazioni istantanee dell’utilizzo dei volumi, del carico di lavoro e dello stato delle risorse hardware e della rete. Curiosa la possibilità di aggiungere delle note testuali a fondo pagina, mentre risulta piuttosto limitante non poter riorganizzare le mattonelle secondo una distribuzione personalizzata. 

Free11 dash graphs

La nuova interfaccia permette inoltre di scegliere un tema personalizzato tra le otto colorazioni proposte.

Questa migliorata esperienza utente ha tuttavia un impatto non da poco sulle risorse necessarie per il funzionamento del sistema: FreeNAS consiglia infatti almeno 8GB di RAM per funzionare correttamente (limite che comunque può essere ignorato in fase di installazione) e su appliance con risorse minori le latenze di risposta risultano piuttosto evidenti.

Free11 less memory

Naturalmente è possibile accedere e lavorare con l’interfaccia classica che, al momento, risulta essere ancora quella di default.

Sotto la scocca

Le novità di questa release riguardano anche numerosi aspetti del sistema sottostante, a partire dalla base che diventa FreeBSD 11.1 Stable e porta numerosi vantaggi a livello di supporto hardware con driver aggiornati e fix a livello di sicurezza e vulnerabilità. Anche OpenZFS viene aggiornato e include miglioramenti in termini di velocità nella gestione degli snapshot e di file di grandi dimensioni.

Una novità interessante riguarda, ad esempio, la possibilità di assegnare una priorità alle operazioni di resilvering in caso di sostituzione di un disco o di danneggiamento di un array. Resilvering che può essere anche schedulato dall’utente nei momenti più opportuni anche in relazione allo stato di carico del sistema. È stata aggiunta l’integrazione con le principali piattaforme Cloud con supporto ad ambienti Azure, Google, Amazon e Backblaze. Questa feature si combina con Cloud Sync per consentire la sincronizzazione nativa (Task -> Cloud Sync) di cartelle e volumi verso ambienti Cloud esterni, anche qui con schedulazioni programmabili. Si può scegliere la direzione di sync (Pull o Push), la modalità di trasferimento (Sync, Move o Copy) e la frequenza con una granularità molto elevata. Al momento questa funzione non è presente nella nuova interfaccia, ma è accessibile solo dalla classica.


Free11 azure addes

Macchine Virtuali

La novità più interessante nelle scorse release di FreeNAS era stata l’introduzione del supporto alle macchine virtuali vere e proprie, in aggiunta alle Jails usate in passato (che comunque sono ancora disponibili). Essendo una funzionalità più recente è anche quella che vede il maggior numero di miglioramenti: supporto a tastiere non US, possibilità di riavviare e clonare VM da interfaccia grafica, modifica della risoluzione con VNC, dell’IP a cui agganciare la console e la NIC a cui la macchina virtuale deve appoggiarsi.

Sempre in termini di virtualizzazione, FreeNAS 11.1 introduce il supporto (ancora in fase preliminare) ai container Docker, di cui è possibile creare istanze funzionanti sempre nella gestione delle VM, sfruttando la distribuzione Linux specifica RancherOS.

(il dettaglio di tutte le novità si può consultare qui)

L'autore

Lorenzo Bedin

Laureato in Ingegneria delle Telecomunicazioni, svolge l'attività di libero professionista come consulente IT, dopo un periodo di formazione e esperienza in azienda nel ruolo di sistemista Windows e Linux. Si occupa di soluzioni hardware, siti web e virtualizzazione.

banner5

fb icon evo twitter icon evo

Parola del giorno

ALOHA è un protocollo di rete sviluppato dalla università delle Hawaii nel 1971 come prima dimostrazione del funzionamento di reti wireless...

>

L'acronimo LTSC (Long Term Servicing Channel), riferito al mondo Microsoft, caratterizza i prodotti server che vengono acompagnati da una politica...

>

L'acronimo SAC (Semi Annual Channel), riferito al mondo Microsoft, caratterizza i prodotti server che vengono acompagnati da una politica di...

>

Project Honolulu è la nuova piattaforma Web (basata su HTML 5) per la gestione centralizzata di host e cluster in...

>

L'acronimo WSL (Windows Subsystem for Linux) indica la tecnologia (un insieme di componenti software) introdotta da Microsoft che permette di eseguire comandi Linux...

>
Leggi anche le altre...

Download del giorno

Fiddler

Fiddler è un server proxy che può girare in locale per consentire il debug delle applicazioni e il...

>

Adapter Watch

Adapter Watch è uno strumento che permette di visualizzare un riepilogo completo e dettagliato delle informazioni riguardanti una determinata...

>

DNS DataView

DNS Lookup  è un tool a interfaccia grafica per effettuare il lookup DNS dal proprio PC, sfruttando i...

>

SolarWinds Traceroute NG

SolarWinds Traceroute NG è un tool a linea di comando per effettuare traceroute avanzati in ambiente Windows...

>

Network Inventory Advisor

Network Inventory Advisor  è uno strumento che permette di scansionare la rete e acquisire informazioni riguardanti tutti i...

>
Tutti i Download del giorno...

Archivio numeri

  • GURU advisor: numero 19 - luglio 2018

    GURU advisor: numero 19 - luglio 2018

  • GURU advisor: numero 18 - aprile 2018

    GURU advisor: numero 18 - aprile 2018

  • GURU advisor: numero 17 - gennaio 2018

    GURU advisor: numero 17 - gennaio 2018

  • GURU advisor: numero 16 - ottobre 2017

    GURU advisor: numero 16 - ottobre 2017

  • GURU advisor: numero 15 - luglio 2017

    GURU advisor: numero 15 - luglio 2017

  • GURU advisor: numero 14 - maggio 2017

    GURU advisor: numero 14 - maggio 2017

  • GURU advisor: numero 13 -  marzo 2017

    GURU advisor: numero 13 - marzo 2017

  • GURU advisor: numero 12 -  gennaio 2017

    GURU advisor: numero 12 - gennaio 2017

  • 1
  • 2
  • 3
  • Teslacrypt: rilasciata la chiave

    Gli sviluppatori del temuto ransomware TeslaCrypt hanno deciso di terminare il progetto di diffusione e sviluppo e consegnare al pubblico la chiave universale per decifrare i file. Read More
  • Proxmox 4.1 sfida vSphere

    Proxmox VE (da qui in avanti semplicemente Proxmox) è basato sul sistema operativo Debian e porta con sé vantaggi e svantaggi di questa nota distribuzione Linux: un sistema operativo stabile, sicuro, diffuso e ben collaudato. Read More
  • Malware: risvolti legali

    tutti i virus e in particolare i più recenti Ransomware, che rubano i vostri dati e vi chiedono un riscatto, violano la legge. Vediamo insieme come comportarsi, per capire anche se e quando bisogna sporgere denuncia. Read More
  • 1