Annunciato il 14 settembre con un post sul blog Technet, Project Honolulu è le piattaforma gratuita Web-based HTML5 per la gestione centralizzata di host e cluster, che permette di controllare, gestire ed eseguire il troubleshooting in ambienti Windows Server. Ad oggi è disponibile come “technical preview”.

L’amministrazione di ambienti Windows Server è tipicamente affidata a MMC (Microsoft Management Console) ed altri strumenti con interfaccia grafica, oltre a PowerShell – e il suo potente e completo sistema di scripting – che consente un alto grado di automazione.
Project Honolulu, che per certi aspetti può essere paragonato al Web Client del vCenter VMware, è una soluzione di gestione centralizzata di host e cluster per Windows Server, intesa non come sostitutiva di System Center e Operations Management Suite, bensì complementare.

Project Honolulu è la naturale evoluzione di Server Management Tools (SMT - l’analogo strumento che è stato dismesso qualche mese fa perché girava su Azure e pertanto richiedeva una connessione ad Internet) e ne rappresenta la versione locale, on-premises. Non è inteso come sostitutivo di MMC.
Allo scorso evento Ignite, Microsoft ha presentato il progetto con due sessioni dimostrative, mentre il blog Microsoft dedicato è raggiungibile a questo indirizzo.

project honolulu architecture

 

Installazione e deployment

Project Honolulu gira su Windows 10 e Windows Server (2016 o 1709, entrambi in modalità Gateway); anche Windows Server 2012 e Windows Server 2012 R2 possono essere controllati (ma non si può installare il software su questi due sistemi operativi).
L’eseguibile è disponibile gratuitamente ed ha dimensioni contenute: 30MB. Gli host da controllare non necessitano di alcun agent.
L’installazione è quella tipica dei pacchetti .msi, dove va specificato se può modificare le impostazioni locali del computer, la porta a cui è disponibile il sito per la gestione e se adottare un certificato SSL già presente sulla macchina o generarne uno nuovo self-signed della durata di 60 giorni.

project honolulu installazione

Al termine dell’installazione, il sito è raggiungibile tramite https://indirizzo-ip:porta; l’applicazione non funziona in Internet Explorer: Microsoft consiglia di usare Edge oppure Chrome.
Windows Server 2012 e 2012 R2 necessitano del Windows Management Framework 5, disponibile a questo indirizzo, https://www.microsoft.com/en-us/download/details.aspx?id=54616 e la cui presenza sul sistema operativo può essere verificata con il comando $PSVersionTable in PowerShell.

project honolulu deployment

Honolulu si basa su un Gateway che va installato solo sulle nuove versioni di Windows desktop (10) o Windows Server (2016 o 1709, la nuova versione semi-annuale), ma può controllare anche sistemi Windows Server 2012 e 2012 R2; i server sono controllati tramite Remote PowerShell e WMI over WinRM tramite API di tipo RESTful.
L’accesso può avvenire in locale (Windows 10) oppure in rete tramite server gateway dedicato: è possibile accedere anche da reti esterne, previa configurazione del firewall (e accettazione dell’implicito rischio di questa configurazione). Il server gateway può far parte a sua volta del gruppo di host controllati.

Per aggiungere un host si seleziona il tasto +Add e si inserisce l’indirizzo IP o l’hostname. È possibile importare diversi host con la funzione Import Servers che legge un file di testo contenente la lista di server.
Per connettersi ad un Cluster, invece, questa procedura non è corretta, in quanto ci si collegherebbe solo al nodo master. Occorre quindi selezionare Server Manager > Failover Cluster Manager e anche in questo caso di può fare un’importazione da file di testo.
Gli host aggiunti appaiono in una pagina riassuntiva con varie informazioni, tra cui tipo (cluster o target host), stato (viene segnalata l’assenza di WMF5) e utente con il quale si stanno eseguendo le operazioni.

project honolulu main lista host

Abbiamo condotto i nostri test su una VM con Server 2016 Standard in configurazione singola e non cluster.


Cosa si può fare

Quando si aggiunge un server/cluster, Honolulu tenta la login tramite Single Sign-On: se ha successo, l’elemento aggiunto viene segnalato come Online.
Su Windows 10 non servono ulteriori configurazioni, ma su Windows Server è necessario creare una delega Kerberos, per la quale si rimanda alla documentazione dedicata.
In via sperimentale è presente anche l’autenticazione tramite Local Administrator Password Solution (LAPS).

Honolulu è basato su moduli separati, consultabili in Options > Extensions, qui è anche possibile aggiungere ulteriori estensioni, seppur al momento non ce ne siano di disponibili.

project honolulu estensioni

Ecco gli ambiti coperti, secondo la documentazione ufficiale:

  • Visualizza risorse ed utilizzo risorse
  • Gestione certificati
  • Visualizzatore eventi
  • File explorer
  • Gestione firewall
  • Configurazione utenti locali e gruppi
  • Impostazioni network
  • Vedi/Ferma processi e crea dump
  • Gestione registro
  • Gestione servizi Windows
  • Gestione di roles e features
  • Gestione VM Hyper-V VMs e virtual switch
  • Gestione storage
  • Gestione Windows Update

project honolulu firewall

 

project honolulu windows update

In ambito Hyper-Converged Infrastructure sono presenti queste funzioni:

  • Dashboard cluster con avvisi di stato, metriche storage, consumo risorse computazionali/storage e inventario server, VM, dischi e volumi
  • Grafico prestazioni
  • Panoramica dischi e inventario con singolo pannello vista proprietà disco e comando “identifica disco” e disabilita disco
  • Panoramica server e inventario con singolo pannello vista proprietà server e comando “maintenance mode”.
  • Panoramica VM e inventario con singolo pannello vista proprietà singola VM e comandi per creare VM, accendi/spegni/reset/pausa/snapshot/cancella VM, live migration, modifica impostazioni, crea e gestisci checkpoint, connetti tramite RDP, proteggi con Azure Site Recovery.
  • Panoramica virtual switch e inventario con singolo pannello e comandi creazione e modifica impostazioni per virtual switch esistenti.
  • Panoramica volumi e inventario con singolo pannello vista proprietà volume con comandi per creare, ridimensionare, eliminare e mettere offline un volume esistente.

Project Honolulu può, naturalmente, gestire anche server Hyper-V.


Cosa manca

Alcune funzioni non sono presenti in Honolulu: una lista completa degli elementi RSAT mancanti è presente a questo indirizzo. Sono presenti anche alcuni errori noti, elencati nella documentazione ufficiale.
Infine una nota riguarda la GUI: a basse risoluzioni la dashboard appare troppo densa di informazioni e sicuramente migliorabile, e non è nemmeno possibile aggiustare la dimensione di pannelli, colonne e in genere degli elementi grafici.

Concludendo, le prime impressioni su Honolulu sono positive: GUI pulita ed intuitiva, efficace, funzionale, insomma, un prodotto con tutte le carte in regola per essere un successo. Ma l’assenza di alcune funzioni, soprattutto riguardo Hyper-V, rendono il prodotto ancora acerbo che, visto anche lo status di beta, non può essere usato in produzione: aspettiamo le prossime release per saggiare la bontà di Honolulu. Il rilascio pubblico è previsto nel corso del 2018.

L'autore

Riccardo Gallazzi

Sistemista JR, tra i suoi campi di interesse maggiori si annoverano virtualizzazione con vSphere e Proxmox e gestione ambienti Linux. È certificato VMware VCA for Data Center Virtualization.

banner5

fb icon evo twitter icon evo

Parola del giorno

Nel campo dell'informatca, il termine Piggybacking fa riferimento a situazioni dove una terza parte non autorizzata ottiene l'accesso a sistemi...

>

Hold Down Timer è una tecnica utilizzata dai router di rete. Quando un nodo riceve la notifica di un altro...

>

La Blockchain è un processo in cui un insieme di soggetti (o nodi) condivide risorse informatiche e di calcolo, per...

>

Il termine Cloud Orchestration descrive le tecniche di automazione di processi in cloud, al fine di raggiungere determinati obiettivi. A differenza...

>

L'acronimo IRQ (Interrupt Request) indica un segnale asincrono inviato al processore da un determinato dispositivo, ad indicare che è richiesta di...

>
Leggi anche le altre...

Download del giorno

Fiddler

Fiddler è un server proxy che può girare in locale per consentire il debug delle applicazioni e il...

>

Adapter Watch

Adapter Watch è uno strumento che permette di visualizzare un riepilogo completo e dettagliato delle informazioni riguardanti una determinata...

>

DNS DataView

DNS Lookup  è un tool a interfaccia grafica per effettuare il lookup DNS dal proprio PC, sfruttando i...

>

SolarWinds Traceroute NG

SolarWinds Traceroute NG è un tool a linea di comando per effettuare traceroute avanzati in ambiente Windows...

>

Network Inventory Advisor

Network Inventory Advisor  è uno strumento che permette di scansionare la rete e acquisire informazioni riguardanti tutti i...

>
Tutti i Download del giorno...

Archivio numeri

  • GURU advisor: numero 17 - gennaio 2018

    GURU advisor: numero 17 - gennaio 2018

  • GURU advisor: numero 16 - ottobre 2017

    GURU advisor: numero 16 - ottobre 2017

  • GURU advisor: numero 15 - luglio 2017

    GURU advisor: numero 15 - luglio 2017

  • GURU advisor: numero 14 - maggio 2017

    GURU advisor: numero 14 - maggio 2017

  • GURU advisor: numero 13 -  marzo 2017

    GURU advisor: numero 13 - marzo 2017

  • GURU advisor: numero 12 -  gennaio 2017

    GURU advisor: numero 12 - gennaio 2017

  • GURU advisor: numero 11 -  ottobre 2016

    GURU advisor: numero 11 - ottobre 2016

  • GURU advisor: numero 10 - 8 agosto 2016

    GURU advisor: numero 10 - 8 agosto 2016

  • 1
  • 2
  • 3
  • Teslacrypt: rilasciata la chiave

    Gli sviluppatori del temuto ransomware TeslaCrypt hanno deciso di terminare il progetto di diffusione e sviluppo e consegnare al pubblico la chiave universale per decifrare i file. Read More
  • Proxmox 4.1 sfida vSphere

    Proxmox VE (da qui in avanti semplicemente Proxmox) è basato sul sistema operativo Debian e porta con sé vantaggi e svantaggi di questa nota distribuzione Linux: un sistema operativo stabile, sicuro, diffuso e ben collaudato. Read More
  • Malware: risvolti legali

    tutti i virus e in particolare i più recenti Ransomware, che rubano i vostri dati e vi chiedono un riscatto, violano la legge. Vediamo insieme come comportarsi, per capire anche se e quando bisogna sporgere denuncia. Read More
  • 1