Parola del giorno - GURU advisor

PtP

L'acronimo PtP (Point to Point) indica i collegamenti radio punto-punto realizzabili tramite tecnologie wireless. In contrasto con i collegamenti PtMP che, invece, prevedono connessioni da singolo punto sorgente a più punti destinatari, Point-to-MultiPoint

SOC

L'acronimo SoC  (System on a Chip) nasce per descrivere quei circuiti integrati che, all'interno di un singolo chip fisico, contengono un intero sistema. Troviamo quindi il processore centrale, unito ad ulteriori controller (ad esempio per le periferiche) ed unità di calcolo e I/O secondarie.

YAML

YAML è un formato utilizzato per serializzare (ovvero salvare oggetti su supporti di memoria ad accesso seriale) dati, in modo da applicare una formattazione standard facilmente comprensibile. Nasce nel 2001 e sfrutta l'indentazione delle righe di testo contenute per definire le informazioni contenute nel file.

Edge Computing

Il termine Edge Computing descrive, all'interno di infrastrutture cloud-based, l'insieme di dispositivi e di tecnologie che permettono l'elaborazione dei dati ai margini della rete, quindi mantenendo l'informazione vicina al punto in cui viene generata, piuttosto che spostarla ed elaborarla in datacenter remoti o sistemi centralizzati.

FPGA

L'acronimo FPGA  (Field Programmable Gate Array), descrive quei dispositivi hardware formati da un circuito integrato e con funzionalità programmabili tramite appositi linguaggi. Ne esistono di diversi tipi e si distinguono principalmente per il numero di volte in cui possono essere riprogrammati, passando da circuiti (ormai obsoleti) programmabili una sola volta, fino alle più moderne tipologie SRAM ed EPROM.

La peculiarità delle FPGA sta nella possibilità di programmare funzioni logiche molto complesse e dalla elevata scalabilità dei sistemi.

Agentless

Il termine Agentless (computing) descrive operazioni dove non è necessaria la presenza e l'esecuzione di un servizio software (demone o processo) in background per l'evasione di un determinato compito. Di norma esiste un'altra macchina che si occupa di eseguire (tramite rete) determinate azioni sul computer di destinazione.

JSON

L'acronimo JSON (JavaScript Object Notation) indica uno specifico formato per lo scambio di dati. Si tratta di un tipo di linguaggio facilmente leggibile da un essere umano e, allo stesso tempo, chiaro e facilmente processabile per un calcolatore. La sua struttura di base fa riferimento al linguaggio JavaScript, da cui prende parte del nome

VCS

VCS è l'acronimo di Versioning Control System  e descrive tutti quegli strumenti software in grado di gestire in modo strutturato l'evoluzione nel tempo di informazioni strutturate. In ambito informatico ci si riferisce a tutte quelle soluzioni di controllo di versione dedicate allo sviluppo di codice software, che richiede una precisa e dettagliata mappatura della sua evoluzione.

Il più diffuso e conosciuto è indubbiamente Git

SNMP

SNMP (Simple Network Management Protocol)  è un protocollo di rete standard, funzionante su UDP alle porte 161 e 162, che consente di configurare, gestire e monitorare dispositivi di rete che supportino tale modalità. La sua architettura prevede un manager (sistema di gestione), un agente attivo nel dispositivo da controllare e una serie di managed objects, ovvero di set di informazioni di controllo elementari.

SysLog

SysLog  è un protocollo di rete molto semplice, che permette di inviare informazioni di log attraverso reti di calcolatori. Nato nel 1980, è molto diffuso in ambienti Unix e Linux, mentre non viene utilizzato in ambito Windows.

MDADM

MDADM  è uno strumento Linux per la creazione, gestione e monitoraggio di array RAID software di tipo 0,1,4,5,6 e 10.Si tratta di un tool gratuito, disponibile anche separatamente (come nel caso di raidtools) sviluppato in ambiente SUSE.

Permette inoltre di realizzare configurazioni NON-RAID per utilizzi particolari, come Multipath e Failover, ovvero con più "volumi" sullo stesso disco fisico per simulare situazioni di fault.

Kubernetes

Kubernetes è uno strumento di gestione ed orchestrazione di container. Sviluppato in ambito Google, si è diffuso velocemente ed ha ottimizzato, migliorato ed automatizzato numerosi processi di gestione altrimenti manuali (attivazione, disattivazione, deploy ed eliminazione etc.).

Hot Add

Con il termine Hot Add si indica la capacità di un sistema, sia esso fisico o virtuale, di accettare modifiche hardware (di solito, aggiunte) a caldo e senza downtime.

ALOHA

ALOHA è un protocollo di rete sviluppato dalla università delle Hawaii nel 1971 come prima dimostrazione del funzionamento di reti wireless su frequenze UHF. Questo protocollo ha gettato le basi per la definizione dei successivi protocolli Ethernet e WiFi.

 

LTSC

L'acronimo LTSC (Long Term Servicing Channel), riferito al mondo Microsoft, caratterizza i prodotti server che vengono acompagnati da una politica di rilascio degli aggiornamenti più "lento" e con cadenza di due-tre anni tra ogni major release. Rispetto alla politica SAC, la nomenclatura dei sistemi operativi server è del tipo YYYY, piuttosto che YYMM (con Y = year e M= month).

 

SAC

L'acronimo SAC (Semi Annual Channel), riferito al mondo Microsoft, caratterizza i prodotti server che vengono acompagnati da una politica di rilascio degli con cadenza semestrale, orientata ai clienti che necessitano regolarmente delle ultimissime funzionalità disponibili. Il modello di servizo è lo stesso che sta caratterizzando il sistema operativo client Windows 10, con macro-relase circa semestrali e una nomenclatura di tipo YYMM (Y = Year, M = month).

 

Project Honolulu

Project Honolulu è la nuova piattaforma Web (basata su HTML 5) per la gestione centralizzata di host e cluster in ambiente Microsoft Windows Server. Dopo essere stata resa disponibile come technical preview, nella prossima release Windows Server 2019 verrà integrata a tutti gli effetti.

WSL

L'acronimo WSL (Windows Subsystem for Linux) indica la tecnologia (un insieme di componenti software) introdotta da Microsoft che permette di eseguire comandi Linux all'interno di una macchina Windows, sia essa Server o 10.
Si tratta di ambiente Linux limitato ed esclusivamente in linea di comando, quindi non una macchina Linux vera e propria.

RIP

L'acronimo RIP (Routing Information Protocol) indica un protocollo di routing di tipo distance vector, che come metrica di calcolo del percorso usa il numero di hop (salti), fino a un massimo di 15 unità e tale da evitare loop.

Serverless Computing

Il termine Serverless Computing descrive un modello di elaborazione in cloud dove è il provider a occuparsi della distribuzione delle risorse computazionali, mentre il costo di elaborazione viene calcolato solo in base al consumo della applicazione in uso, oppure su capacità di calcolo pre-acquistate.

Naturalmente la potenza computazionale è fornita da server fisici, ma il termine Serverless sottolinea comequesto aspetto sia del tutto trasparente per lo sviluppatore.

IoE

L'acronimo IoE (Internet of Everything) descrive un contesto in cui dispositivi e prodotti di uso comune sono tutti connessi a Internet e dotati di funzionalità digitali. In questo ideale, nel futuro qualsiasi cosa sarà collegata alla rete globale.

Snippet

Il termine Snippet indica un estratto di codice che sia breve, riutilizzabile e facilmente integrabile in codici più estesi. Ad esempio uno snippet può essere composto da alcune righe di codice che implementano una determinata funzione tramite parametri che sono indipendenti dal codice circostante.

Zero Day Exploit

Un Exploit Zero Day descrive una situazione in cui vulnerabilità specifiche e sconosciute vengono rese note al pubblico in contemporanea con la scoperta delle stesse. Si tratta di una situazione potenzialmente molto rischiosa, perchè nell'immediato non esistono patch o soluzioni in grado di mettere al sicuro dall'exploit.

InfiniBand

InfiniBand è una architettura di Input/Output per la trasmissione di dati tra sistemi ad alte prestazioni composti da CPU, processori e storage, caratterizzati da alte frequenze di lavoro, latenze molto basse e ampia scalabilità.
Le architetture IB si realizzano tramite reti composte da switch con throughput superiori a quelli tipici delle architetture broadcast come Ethernet. La velocità massima di trasferimento dati è di circa 40 Gbps. 

banner5

fb icon evo twitter icon evo

Calendario Eventi

May 2019
MoTuWeThFrSaSu
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
  

Parola del giorno

L'acronimo SoC  (System on a Chip) nasce per descrivere quei circuiti integrati che, all'interno di un singolo chip fisico, contengono un...

>

YAML è un formato utilizzato per serializzare (ovvero salvare oggetti su supporti di memoria ad accesso seriale) dati, in modo...

>

Il termine Edge Computing descrive, all'interno di infrastrutture cloud-based, l'insieme di dispositivi e di tecnologie che permettono l'elaborazione dei dati ai...

>

L'acronimo FPGA  (Field Programmable Gate Array), descrive quei dispositivi hardware formati da un circuito integrato e con funzionalità programmabili tramite...

>

Il termine Agentless (computing) descrive operazioni dove non è necessaria la presenza e l'esecuzione di un servizio software (demone o...

>
Leggi anche le altre...

Download del giorno

Fiddler

Fiddler è un server proxy che può girare in locale per consentire il debug delle applicazioni e il...

>

Adapter Watch

Adapter Watch è uno strumento che permette di visualizzare un riepilogo completo e dettagliato delle informazioni riguardanti una determinata...

>

DNS DataView

DNS Lookup  è un tool a interfaccia grafica per effettuare il lookup DNS dal proprio PC, sfruttando i...

>

SolarWinds Traceroute NG

SolarWinds Traceroute NG è un tool a linea di comando per effettuare traceroute avanzati in ambiente Windows...

>

Network Inventory Advisor

Network Inventory Advisor  è uno strumento che permette di scansionare la rete e acquisire informazioni riguardanti tutti i...

>
Tutti i Download del giorno...

Archivio numeri

  • GURU advisor: numero 19 - luglio 2018

    GURU advisor: numero 19 - luglio 2018

  • GURU advisor: numero 18 - aprile 2018

    GURU advisor: numero 18 - aprile 2018

  • GURU advisor: numero 17 - gennaio 2018

    GURU advisor: numero 17 - gennaio 2018

  • GURU advisor: numero 16 - ottobre 2017

    GURU advisor: numero 16 - ottobre 2017

  • GURU advisor: numero 15 - luglio 2017

    GURU advisor: numero 15 - luglio 2017

  • GURU advisor: numero 14 - maggio 2017

    GURU advisor: numero 14 - maggio 2017

  • GURU advisor: numero 13 -  marzo 2017

    GURU advisor: numero 13 - marzo 2017

  • GURU advisor: numero 12 -  gennaio 2017

    GURU advisor: numero 12 - gennaio 2017

  • 1
  • 2
  • 3
  • Teslacrypt: rilasciata la chiave

    Gli sviluppatori del temuto ransomware TeslaCrypt hanno deciso di terminare il progetto di diffusione e sviluppo e consegnare al pubblico la chiave universale per decifrare i file. Read More
  • Proxmox 4.1 sfida vSphere

    Proxmox VE (da qui in avanti semplicemente Proxmox) è basato sul sistema operativo Debian e porta con sé vantaggi e svantaggi di questa nota distribuzione Linux: un sistema operativo stabile, sicuro, diffuso e ben collaudato. Read More
  • Malware: risvolti legali

    tutti i virus e in particolare i più recenti Ransomware, che rubano i vostri dati e vi chiedono un riscatto, violano la legge. Vediamo insieme come comportarsi, per capire anche se e quando bisogna sporgere denuncia. Read More
  • 1