Mantenere correttamente aggiornate le infrastrutture IT è una attività articolata e dispendiosa, e LanGuard è il prodotto di GFI pensato proprio per strutturare e automatizzare i processi di gestione in completa sicurezza.

Un esempio di quanto pericoloso possa essere avere sistemi non aggiornati è la scorsa infezione ad opera di WannaCry, il ransomware che - pur avendo creato problemi a una fetta relativamente “contenuta” di utenti - ha attaccato infrastrutture Microsoft in oltre 150 paesi. Questo perchè sfruttava la falla EternalBlue, capace di compromettere solo alcune versioni del sistema operativo di Redmond. Ma provate a immaginare cosa sarebbe successo se fosse stato in grado di attaccare tutti quanti i sistemi Windows.

Proteggere la rete e gestire le patch

Capita spesso di ritrovarsi di fronte a problemi di sicurezza, gestioni delle patch e controllo delle reti: tutte queste operazioni, come molte altre, vengono di solito affrontate ricorrendo a più software autonomi e rendendo il lavoro decisamente ostico da organizzare in modo centralizzato. In questo contesto così difficile da gestire, si posiziona GFI LanGuard: i tre pilastri della gestione vulnerabilità vengono rese disponibili in un unico prodotto, un pacchetto che consente di tenere sempre sotto controllo le reti e ne garantisce la loro protezione.

languard

GFI LanGuard è un network security scanner e sistema di patch management che permette di ottenere un’ottimale mappatura della rete e un’approfondita analisi dei rischi, prima che si verifichino violazioni di sicurezza a causa di patch di reti mancanti.

Il software di GFI è molto più maturo di molti altri strumenti di sicurezza presenti sul mercato, perchè lavora ad una profondità di funzionalità che difficilmente si riescono a trovare in altre piattaforme. Infatti, la qualità della soluzione viene dimostrata anche dal fatto che il motore di GFI LanGuard è a tutti gli effetti utilizzato da altri vendor che hanno poi ribrandizzato il prodotto.

Il software si installa su piattaforma Windows e, dalla sua console, permette di effettuare una scansione della rete per ricercare tutti i dispositivi presenti, come ad esempio server fisici e VM, PC, notebook, smartphone, stampanti e apparati di rete come switch, router e access point. Una volta effettuata l’analisi, GFI LanGuard verifica poi tutti gli eventuali problemi legati alla sicurezza.

languard08

Le scansioni possono essere eseguite in due modalità differenti. La modalità senza agente o agent-less è quella meno invasiva, ma più dispendiosa in termini di banda e di risorse, dato che l’audit viene effettuato direttamente dalla macchina sulla quale è installato LanGuard. 

È disponibile anche la modalità con agente, che prevede un agente dedicato su ogni terminale ed è così in grado di fornire informazioni molto più approfondite e dettagliate.

languard2

La gestione delle patch è disponibile per sistemi Windows, Mac OS e Linux ma non solo, GFI LanGuard è la prima soluzione in grado di automatizzare l'applicazione di patch per tutti i maggiori browser web che funzionano su sistemi Windows: Microsoft Internet Explorer, Mozilla Firefox, Google Chrome, Apple Safari e Opera Browser. Il supporto viene inoltre offerto anche per gestire le patch delle più comuni applicazioni di terze parti, permettendo agli amministratori di rilevare, scaricare e distribuire le patch mancanti nello stesso modo in cui monitorano e gestiscono i sistemi operativi.

languard11

 

Tra i più noti software che è possibile gestire in modo integrato troviamo: Apple QuickTime, Adobe Acrobat, Adobe Flash Player, Adobe Reader, Adobe Shockwave Player,Mozilla Firefox, Mozilla Thunderbird e Java Runtime.

Oltre alla gestione delle patch, è poi possibile eseguire anche l'aggiornamento alle release più recenti dei vari applicativi installati sulle macchine (per esempio, se individua una vecchia versione di Adobe Flash, GFI LanGuard offre l'opzione di scegliere se fare direttamente l’update o applicare tutte le patch della versione esistente).

languard05

Installazione Immediata

I requisiti hardware di LanGuard dipendono molto dalle dimensioni della rete. Per contesti in cui vi sono da gestire fino a un centinaio di dispositivi, è sufficiente un processore 2 GHz Dual Core con 2 GB di RAM e 5 GB di spazio disco. I requisiti completi sono disponibili a questa pagina.

L'installazione del software è molto semplice, il pacchetto pesa poche centinaia di MB e, una volta lanciato, la procedura è completamente guidata da un pratico wizard. L'attivazione della Software Maintenance avviene attraverso un codice di licenza, fornito al momento dell'ordine del prodotto. Ricordiamo che al primo avvio, parte in automatico un controllo alla ricerca di vulnerabilità sul computer locale.

Una volta lanciato il software, si apre la schermata Home, dove è possibile: visualizzare la dashboard per fare un check sullo status di vulnerabilità della rete e controllarne i risultati; contrallare i vari problemi legati alla sicurezza (come, ad esempio, fare un deploy delle patch mancanti, disinstallare software non autorizzati, attivare gli antivirus, ecc.); gestire gli agenti abilitando le scansioni automatiche della rete o distribuendo il carico di lavoro tra i vari client ed infine lanciare una scansione manuale per un’indagine sulla rete senza agenti.

languard00

 

Cenni sul licensing

Come abbiamo visto nel capitolo sull’installazione, per utilizzare GFI LanGuard con supporto e aggiornamenti inclusi, occorre acquistare una nuova licenza. Le nuove licenze partono da un minimo di 25 nodi e, con il termine nodo, intendiamo un dispositivo in rete, munito quindi di indirizzo IP.
Il prezzo varia in base alla fascia di nodi che si desidera attivare e per esigenze superiori ai 2999, sono previste delle quotazioni ad hoc.

price

Per ogni acquisto di GFI LanGuard, si riceve in regalo un ulteriore 25% di nodi da utilizzare esclusivamente su dispositivi mobili.

Immaginando di aver comprato una licenza da 25 utenti, significa che possiamo effettuare la scansione di 25 dispositivi dotati di IP. Ci verranno poi dati in omaggio 6 nodi per la gestione di smartphone e tablet. Di seguito un esempio:

licensing

Ricordiamo di fare attenzione a quando scade la Software Maintenance perchè dopo 40 giorni di grace period, il prodotto cessa di funzionare.

Tanti vantaggi in un unico software

L’interfaccia di GFI LanGuard è comoda, intuitiva e responsive: le finestre e i campi possono essere ridimensionati a proprio piacimento e i contenuti possono essere copiati ed incollati semplicemente con un click destro. 

La gestione delle patch per i sistemi operativi e per le applicazioni di terze parti offerta da GFI LanGuard vi permette di ottenere un ambiente configurato in modo uniforme e, soprattutto, protetto da minacce e vulnerabilità, anche in ambienti virtualizzati. In aggiunta, l’integrazione con oltre 2.500 applicativi di sicurezza, tra cui antivirus, anti-spyware e firewall, genera un accurato report sul loro stato, indicando quali software vanno abilitati, aggiornati o controllati.

languard16

 

GFI LanGuard non si limita a scansionare solo i computer presenti in rete e a fornire una cronologia di tutte le modifiche effettuate nel tempo, ma offre anche una panoramica ed esegue controlli di vulnerabilità sui smartphone, tablet e altri dispositivi di rete quali stampanti o router.
Il tutto, naturalmente, può essere esportato per la creazione o l’invio via mail di rapporti – anche personalizzati e ribrandizzati con il marchio della propria azienda - in formati molto diffusi come PDF, HTML, XLS, XLSX, RTF e CVS.

GFI LanGuard comprende inoltre un database completo di accertamento delle vulnerabilità, compresi standard quali OVAL (oltre 11.500 controlli) e le SANS Top 20. Il database viene periodicamente aggiornato in modo del tutto automatico e i controlli di sicurezza lanciati sulle macchine eseguono oltre le 60.000 valutazioni, con lo scopo di identificare e correggere le eventuali minacce presenti, prima che vengano sfruttate dai pirati informatici.

La forza di LanGuard sta poi nell’avanzata console di reporting web-based, facilmente accessibile da remoto, centralizzata ed integrata Active Directory, in modo da gestire anche gli utenti con permessi in sola lettura o amministrativi e collegati simultaneamente.

Perché scegliere languard

LanGuard è un prodotto molto completo e in grado di funzionare come un vero e proprio “consulente automatizzato” all’interno della propria infrastruttura IT. Come abbiamo visto nella panoramica precedente, le funzioni offerte e i vantaggi sono molteplici: abbiamo quindi riassunto di seguito i cinque punti chiave a favore di questa piattaforma.

  1. Minimizzare il rischio di violazioni di sicurezza attraverso una corretta scansione della rete alla ricerca di problemi di sicurezza e di vulnerabilità, la rilevazione e disinstallazione automatica di qualsiasi applicazione non autorizzata, il controllo dei software installati e dei dispositivi hardware presenti sulla rete e, infine, la ricezione di avvisi e rapporti relativi alla sicurezza della rete.
  2. Automatizzare la gestione patch per i sistemi Microsoft, Mac OS, Linux ed altre applicazioni di terze parti. Riteniamo necessario sottolineare ancora una volta quanto sia vitale un corretto patch management perché, come ben sappiamo, sono molte le aziende, gli enti statali e i singoli che prendono un po’ troppo alla leggera la sicurezza informatica.
  3. Esecuzione di controlli e di monitoraggi della sicurezza di rete.
  4. Supporto nella conformità alle normative di sicurezza che richiedono una regolare valutazione delle vulnerabilità e gestione patch (ad esempio, PCI DSS, HIPAA, SOX, GLBA, PSN CoCo), aspetto da non sottovalutare per tutte le aziende Spa e quotate.
  5. Valutare e gestire la sicurezza degli smartphone e dei tablet utilizzati dai dipendenti per l’accesso alle informazioni e alle applicazioni aziendali.

I software come GFI LanGuard, con tutte le funzionalità che abbiamo approfondito, sono studiati appositamente per la protezione delle vulnerabilità e non solo ci permettono di prevenire eventuali rischi in agguato ma anche di gestire tutte le attività volte alla messa in sicurezza direttamente da un’unica piattaforma, due aspetti indispensabili per una corretta gestione del lavoro IT. 

banner5

fb icon evo twitter icon evo

Parola del giorno

Don't be Evil è uno slogan interno di Google, ideato da due dipendenti Paul Buccheit e Amit Patel, nell'ottica di...

>

ZOPE è l'acronimo di Z Object Publishing Environment e indica un Web Server open source sviluppato in Python, che permette agli...

>

Il termine Bezel descrive l'involucro esterno (o scocca) di un computer, monitor o di un qualsiasi dispositivo di calcolo. La valutazione...

>

Il termine Random Forest è un costrutto utilizzato nell'ambito della Intelligenza Artificiale e al machine learning. Nello specifico si tratta di...

>

La cifratura (o crittografia) RSA è una tecnica di cifratura dati detta "a chiave pubblica" e sviluppata dalla RSA Data...

>
Leggi anche le altre...

Download del giorno

DiskMon

DiskMon è un utile strumento per monitorare e registrare tutte le attività di I/O sul disco di sistemi Windows...

>

Disk2vhd

Disk2vhd è una utiliy gratuita per la migrazione P2V (phisical to virtual) in ambiente virtuale Hyper-V. Permette di convertire...

>

CurrPorts

CurrPorts è un'utility in grado di mostrare in tempo reale tutte le porte TCP/UDP aperte sulla macchina dove...

>

MailPass View

Lo strumento MailPass View di Nirsoft permette di recuperare e mostrare le password salvate nei principali client di...

>

WebBrowserPass Tool

Lo strumento WebBrowserPass Tool di Nirsoft è un semplice software in grado di mostrare in chiaro le password...

>
Tutti i Download del giorno...

Archivio numeri

  • GURU advisor: numero 16 - ottobre 2017

  • GURU advisor: numero 15 - luglio 2017

    GURU advisor: numero 15 - luglio 2017

  • GURU advisor: numero 14 - maggio 2017

    GURU advisor: numero 14 - maggio 2017

  • GURU advisor: numero 13 -  marzo 2017

    GURU advisor: numero 13 - marzo 2017

  • GURU advisor: numero 12 -  gennaio 2017

    GURU advisor: numero 12 - gennaio 2017

  • GURU advisor: numero 11 -  ottobre 2016

    GURU advisor: numero 11 - ottobre 2016

  • GURU advisor: numero 10 - 8 agosto 2016

    GURU advisor: numero 10 - 8 agosto 2016

  • GURU advisor: numero 9 - 29 Giugno 2016

    GURU advisor: numero 9 - 29 Giugno 2016

  • 1
  • 2
  • 3
  • Teslacrypt: rilasciata la chiave

    Gli sviluppatori del temuto ransomware TeslaCrypt hanno deciso di terminare il progetto di diffusione e sviluppo e consegnare al pubblico la chiave universale per decifrare i file. Read More
  • Proxmox 4.1 sfida vSphere

    Proxmox VE (da qui in avanti semplicemente Proxmox) è basato sul sistema operativo Debian e porta con sé vantaggi e svantaggi di questa nota distribuzione Linux: un sistema operativo stabile, sicuro, diffuso e ben collaudato. Read More
  • Malware: risvolti legali

    tutti i virus e in particolare i più recenti Ransomware, che rubano i vostri dati e vi chiedono un riscatto, violano la legge. Vediamo insieme come comportarsi, per capire anche se e quando bisogna sporgere denuncia. Read More
  • 1