Author

Alessio Carta

Responsabile sistemi presso un System Integrator con sede in Sardegna, si occupa di informatica e telecomunicazioni da oltre 10 anni. La sua formazione comprende una laurea in ingegneria, una specializazione IFTS in progettazione di reti telematiche, certificazioni Cisco CCNA, Cisco CCNA Security, MCP sui sistemi Windows Server e VCP su VMware vSphere (5.1, 5.5, 6.0). È istruttore presso una VMware IT Academy con sede a Cagliari.

Con il port binding si configura l’associazione tra le porte del port group distribuito e le macchine virtuali.

Una porta distribuita (Distributed Port) è semplicemente una porta che appartiene ad uno switch distribuito e che permette il collegamento in rete del VMkernel o delle macchine virtuali. In maniera predefinita, la configurazione di una porta distribuita è determinata dalle impostazioni del port group cui appartiene. È comunque possibile assegnare impostazioni specifiche per ogni singola porta. Read more Come configurare una Distributed Port di un Distributed vSwitch in vSphere

La connessione di una macchina virtuale ad uno switch distribuito può essere eseguita sia configurando le sue interfacce di rete, sia spostando gruppi di macchine da uno switch standard ad uno distribuito.

Procedura tramite vSphere Client

Read more Come connettere una macchina virtuale ad un Distributed vSwitch in vSphere

Per ogni host associato ad uno switch distribuito, è necessario dedicare almeno un’interfaccia fisica (ossia un uplink) allo switch distribuito; è possibile assegnare nuove interfacce fisiche in qualsiasi momento. Per ogni host, si può dedicare una sola interfaccia fisica per ogni porta di uplink dello switch distribuito.

Le interfacce virtuali sono invece utilizzate per fornire servizi di rete (ad esempio vMotion o IP storage) attraverso lo switch distribuito. Le interfacce virtuali di uno switch distribuito sono di tipo VMkernel. Per ogni host associato allo switch distribuito, si possono creare nuove interfacce VMkernel o migrare quelle esistenti. Read more Come gestire le interfacce di rete in un Distributed vSwtich in vSphere

Gestione tramite vSphere Client

banner5

fb icon evo twitter icon evo

Archivio numeri

  • GURU advisor: numero 19 - luglio 2018

    GURU advisor: numero 19 - luglio 2018

  • GURU advisor: numero 18 - aprile 2018

    GURU advisor: numero 18 - aprile 2018

  • GURU advisor: numero 17 - gennaio 2018

    GURU advisor: numero 17 - gennaio 2018

  • GURU advisor: numero 16 - ottobre 2017

    GURU advisor: numero 16 - ottobre 2017

  • GURU advisor: numero 15 - luglio 2017

    GURU advisor: numero 15 - luglio 2017

  • GURU advisor: numero 14 - maggio 2017

    GURU advisor: numero 14 - maggio 2017

  • GURU advisor: numero 13 -  marzo 2017

    GURU advisor: numero 13 - marzo 2017

  • GURU advisor: numero 12 -  gennaio 2017

    GURU advisor: numero 12 - gennaio 2017

  • 1
  • 2
  • 3
  • Teslacrypt: rilasciata la chiave

    Gli sviluppatori del temuto ransomware TeslaCrypt hanno deciso di terminare il progetto di diffusione e sviluppo e consegnare al pubblico la chiave universale per decifrare i file. Read More
  • Proxmox 4.1 sfida vSphere

    Proxmox VE (da qui in avanti semplicemente Proxmox) è basato sul sistema operativo Debian e porta con sé vantaggi e svantaggi di questa nota distribuzione Linux: un sistema operativo stabile, sicuro, diffuso e ben collaudato. Read More
  • Malware: risvolti legali

    tutti i virus e in particolare i più recenti Ransomware, che rubano i vostri dati e vi chiedono un riscatto, violano la legge. Vediamo insieme come comportarsi, per capire anche se e quando bisogna sporgere denuncia. Read More
  • 1