VM Explorer è un software sviluppato in Svizzera dalla Trilead a partire dal 2007 e conta oltre 10.000 clienti nel mondo. Questo numero è destinato però ad aumentare, soprattutto considerando la crescente autorevolezza che ha acquistato in seguito alla recente acquisizione di HPE, come ci ha confermato Roberto Beneduci di CoreTech, distributore storico del software: "A parità di periodo rispetto al 2015, nel primo trimestre del 2016, il numero di licenze VM Explorer vendute è più che raddoppiato".

 2016 05 23 190845

Una acquisizione ben motivata

HPE aveva già un software di backup di fascia Enterprise, la Suite HPE Data Protector e detiene con i suoi server il 60% del mercato VMware OEM. Con VM Explorer HPE può offrire ai propri clienti una soluzione facile, robusta ed economica, dedicata unicamente al backup dei sistemi virtuali, ben differente da Data Protector, una soluzione indirizzata a una fascia di clientela differente (infrastrutture da migliaia di VM). Con questa mossa HPE può ora offrire a tutti i propri clienti di fascia Small and Medium Business (<100 VM), una soluzione meno complessa e per molti aspetti più appetibile rispetto alla diffusa suite di Veeam.

 

img1

Edizioni e prezzi

VM Explorer è disponibile in 3 differenti versioni: Free, Pro ed Enterprise. Il modello di licesing è ora per Socket: la licenza Pro copre 4 socket, mentre la licenza Enterprise arriva a 6. Ogni singolo socket è ovviamente inteso come processore fisico, quindi  una licenza Pro permette il backup di 4 Host VMWare (o Hyper-V) su cui sono installati 1 CPU fisica ciascuno, oppure di 2 Host su cui sono installate 2 CPU fisiche ciascuno.

I costi delle licenze sono rispettivamente di 729 euro per la versione Pro (182,25 euro/socket) e 1874 euro per la Enterprise (312,33 euro/socket), comprensivo di un 1 anno di aggiornamenti e supporto tecnico HP (copertura 9x5). E’ possibile aggiungere ulteriori socket sia alla licenza Pro che a quella Enterprise senza limitazioni: questa possibilità è invece spesso negata da prodotti concorrenti che costringono a passare a licenze superiori, con il relativo aumento dei costi. Ad esempio la licenza Backup Essential di Veeam, può arrivare a un massimo di 6 socket. A titolo di confronto il costo di licenza di Veeam parte da 400 euro/socket, per raggiungere i 1100 euro/socket della versione Enterprise.

Non ci sono limitazioni sul numero totale di VM gestibili e il server su cui viene installato VM Explorer non viene considerato ai fini del conteggio dei socket. Un importante cambiamento, dovuto all’acquisizione da parte di HPE è invece il nuovo costo di rinnovo di VMExplorer, che è sceso dal 70% a meno del 20% del prezzo di acquisto.

Multi Hypervisor

2016 05 23 190225

VM Explorer integra in un unico software il supporto per VMware ESX/ESXi (incluso ESXi free) e Microsoft Hyper-V. Con la stessa licenza ci si può collegare contemporaneamente a host VMware vSphere (a pagamento o gratuiti) e a host basati su Microsoft Hyper-V. Chi usa entrambe le piattaforme, magari con clienti diversi può dunque adottare la stessa soluzione, senza perdere tempo a imparare l'interfaccia e il funzionamento di due prodotti diversi. 

VM Explorer: uno strumento alla portata di tutti

2016 05 23 185354L’installazione di VM Explorer è molto veloce e si esegue in pochi minuti. La dimensione del file di installazione è di poche decine di MB e VM Explorer può essere installato su una qualsiasi macchina con sistema operativo Windows che disponga delle .NET Framework 4.0. Non serve infatti una macchina dedicata, ma è possibile installare VM Explorer su qualsiasi server windows della propria infrastruttura. Ad ulteriore conferma della semplicità d'uso, VM Explorer non richiede l’installazione di agenti sulle VM.

Il software può essere usato sia nella tradizionale interfaccia basata su Windows (che ormai viene considerata obsoleta), sia tramite la comoda interfaccia Web: le funzionalità disponibili sono analoghe in tutto e per tutto, anche se l'unica che verrà costantemente supportata da HPE è quella Web.

Destinazione dei backup flessibile e completa

backup

La destinazione dei backup è veramente completa e in continua evoluzione e presto abbraccerà anche tutte le altre tecnologie HPE, VM Explorer supporta diversi scenari come backup target tra cui: 
Storage Locale (direttamente collegato)
NFS/CIFS (FreeBSD, Linux)
NAS e SAN
Nastro/Tape
ESX Server
Hyper-V

Inoltre è possibile utilizzare storage Cloud pubblico come: Amazon S3, HP Cloud, OpenStack, Rackspace, ma è anche possibile utilizzare un proprio cloud storage come destinazione del backup delle VM, realizzando un OpenStack Object Storage privato.Come dicevamo l’acquisizione di HPE porterà da subito delle novità, tra cui a breve il supporto per gli Storage HPE, StoreOnce NAS e StoreOnce VTL. Seguiranno poi il supporto a StoreOne Catalyst, 3PAR e StoreVirtual. Per ora l'unica SAN supportata nativamente dal software è Scale IO di EMC.

Backup incrementali e compressione dinamica

Se all’interno dell’infrastruttura sono presenti collegamenti di rete WAN (per esempio per wide-area replication) o se si desidera utilizzare meno spazio nel sistema di destinazione, è possibile effettuare la compressione dinamica dei backup.

VM Explorer supporta naturalmente la tecnologia Changed Block Tracking (CBT) di VMware per creare backup incrementali. Si può effettuare il restore a partire da qualsiasi versione nella cronologia dei backup. Il software sfrutta per questo il VMware Virtual Disk Development Kit che deve essere scaricato ed abilitato per ottimizzare il funzionamento del prodotto.

VM Explorer può testare automaticamente un backup per verificare che la VM si avvii correttamente: una funzione fondamentale per garantire il buon funzionamento del sistema. Grazie a una apposita opzione si può anche ricevere una notifica di errore quando Volume Shadow Services di Microsoft non riesce nella creazione di un volume consistente per il backup, prevenendo così i problemi legati a scritture sospese.

Replica e file level restore

VM Explorer include funzioni di replica (point in time replication) per replicare qualsiasi VM su un altro host: una funzionalità fondamentale per garantire le funzionalità di disaster recovery. Grazie a questa funzione, la macchina virtuale viene registrata automaticamente sul server di backup ed è pronta per essere avviata.
Se il change tracking (CBT) è abilitato, VM Explorer® replicherà solo i cambiamenti avvenuti verso il nuovo target host.
VM Explorer® offre una funzionalità integrata di "file level restore". Grazie a questa funzione è possibile ripristinare file da qualsiasi backup (FAT, NTFS, EXT, LVM e LDM) senza dover ripristinare l’intero backup. Non sono supportati invece i ripristini di un singolo elemento di SQL o Exchange.

Copia veloce server to server

VM Explorer® consente di copiare file ed eseguire backup alla massima velocità direttamente tra server ESX, ESXi, Hyper-V, Linux e FreeBSD. Gli unici potenziali fattori di rallentamento sono costituiti dalla banda disponibile della rete e dalla velocità dei dischi. Può agganciare direttamente qualsiasi macchina o VPS Linux o FreeBSD e usarla come destinazione di un backup.

Notifica dettagliata

È molto importante poter contare su un rapporto dettagliato relativo all’esito dei backup effettuati. VM Explorer® invia una notifica via e-mail contenente tutte le informazioni sui backup eseguiti. Tali rapporti possono essere consultati ed esportati in qualsiasi momento.

Di seguito una specifica delle funzionalità integrate nelle differenti versioni:

Enterprise Edition

Instant VM Recovery (IVMR)1) 2)

Supporto per vMotion da IVMR1) 2)

File Level Restore da Cloud

Verifica automatizzata dei backup su Cloud1)

Interfaccia multi utente e integrazione con

Active Directory

Supporto per vSAN

Backup crittografati

Snapshots Storage per ScaleIO

1) ESX/ESXi

2) Backup locali

3) La funzione di replica incrementale non è disponibile

per ESXi free edition

4) Per ESX/ESXi è necessario che i VMware Tools siano

installati nel sistema operativo guest della macchina

virtuale (con opzione VSS abilitata)

Pro Edition e Enterprise Edition

Gestione completa da interfaccia web (EN, IT, DE)

Backup e backup incrementale per ESX/ESXi,

ESXi free e Hyper-V

Replica e replica incrementale per ESX/ESXi,

ESXi free3) e Hyper-V

Backup su nastro

Verifica dei backup automatizzata

Verifica di coerenza del file system

Controllo Heartbeats

Backup su Cloud storage pubblici e privati (Amazon

S3, Rackspace, Open Stack, HP Cloud)

Supporto per vCenter e Hyper-V cluster

Application-consistent backup tramite VSS4)

File Level Restore

(partizioni LVM, LDM, FAT, NTFS ed EXT)

Notifica via email

DISTRIBUTORE

Telefono: + 39 0255230893

CoreTech

PRODUTTORE

HP Enterprise

L'autore

Filippo Moriggia

Dopo 10 anni di esperienza nel settore del giornalismo tecnico collaborando con  PC Professionale, Panorama e altre testate del gruppo Mondadori, Filippo Moriggia ha fondato Guru Advisor, il sito italiano di riferimento per professionisti del settore IT, system integrator e managed service provider.
È laureato in Ingegneria delle Telecomunicazioni e svolge attività di libero professionista come consulente presso aziende e studi professionali. Si occupa in particolare di software, virtualizzazione, reti e sicurezza. È certificato VMware VCA for Data Center Virtualization.

banner5

fb icon evo twitter icon evo

Parola del giorno

Il termine Data Breach indica tutte quelle situazioni in cui si verifica una fuoriuscita (o compromissione) di dati da una infrastruttura...

>

Il termine Hop Count indica il numero totale di "salti", intesi come dispositivi di rete, che un pacchetto di dati deve...

>

Il termine Base URL nel cotesto delle applicazioni Web, indica la posizione "base" da cui considerare i percorsi relativi ai contenuti...

>

Il termine Object Storage indica quelle architetture di storage che, a differenza del classico approccio gerarchico dei file system tradizionali...

>

L'acronimo HVM with PV drivers indica una tecnica di virtualizzazione ibrida che sfrutta la virtualizzazione assistita dall’hardware (le istruzioni intel VT-x...

>
Leggi anche le altre...

Download del giorno

DiskMon

DiskMon è un utile strumento per monitorare e registrare tutte le attività di I/O sul disco di sistemi Windows...

>

Disk2vhd

Disk2vhd è una utiliy gratuita per la migrazione P2V (phisical to virtual) in ambiente virtuale Hyper-V. Permette di convertire...

>

CurrPorts

CurrPorts è un'utility in grado di mostrare in tempo reale tutte le porte TCP/UDP aperte sulla macchina dove...

>

MailPass View

Lo strumento MailPass View di Nirsoft permette di recuperare e mostrare le password salvate nei principali client di...

>

WebBrowserPass Tool

Lo strumento WebBrowserPass Tool di Nirsoft è un semplice software in grado di mostrare in chiaro le password...

>
Tutti i Download del giorno...

Archivio numeri

  • GURU advisor: numero 15 - luglio 2017

    GURU advisor: numero 15 - luglio 2017

  • GURU advisor: numero 14 - maggio 2017

    GURU advisor: numero 14 - maggio 2017

  • GURU advisor: numero 13 -  marzo 2017

    GURU advisor: numero 13 - marzo 2017

  • GURU advisor: numero 12 -  gennaio 2017

    GURU advisor: numero 12 - gennaio 2017

  • GURU advisor: numero 11 -  ottobre 2016

    GURU advisor: numero 11 - ottobre 2016

  • GURU advisor: numero 10 - 8 agosto 2016

    GURU advisor: numero 10 - 8 agosto 2016

  • GURU advisor: numero 9 - 29 Giugno 2016

    GURU advisor: numero 9 - 29 Giugno 2016

  • GURU advisor: numero 8 - Maggio 2016

    GURU advisor: numero 8 - Maggio 2016

  • 1
  • 2
  • Teslacrypt: rilasciata la chiave

    Gli sviluppatori del temuto ransomware TeslaCrypt hanno deciso di terminare il progetto di diffusione e sviluppo e consegnare al pubblico la chiave universale per decifrare i file. Read More
  • Proxmox 4.1 sfida vSphere

    Proxmox VE (da qui in avanti semplicemente Proxmox) è basato sul sistema operativo Debian e porta con sé vantaggi e svantaggi di questa nota distribuzione Linux: un sistema operativo stabile, sicuro, diffuso e ben collaudato. Read More
  • Malware: risvolti legali

    tutti i virus e in particolare i più recenti Ransomware, che rubano i vostri dati e vi chiedono un riscatto, violano la legge. Vediamo insieme come comportarsi, per capire anche se e quando bisogna sporgere denuncia. Read More
  • 1